La nuova vita di Rieti “in arancione”: città spenta e restrizioni, le regole da ricordare

(da RietiLife Free Press) Una città più spenta, coi giri ridotti al minimo. Il Lazio, tolte le feste, è piombato in zona arancione, vivendo giorni che non aveva visto almeno finora, se non nel lockdown. I contagi in Regione hanno fatto decidere Speranza, tra mille polemiche: sarà così fino a nuova ordinanza (almeno due settimane). Da ricordare che è consentito circolare dalle 5 alle 22 nello stesso Comune. Consentita una sola visita al giorno a casa di parenti o amici, nello stesso Comune, in massimo 2 persone più figli minori di 14 anni e persone disabili o non autosufficienti conviventi.

Dai Comuni fino a 5mila abitanti, spostamenti consentiti anche entro i 30km dai confini con divieto di andare nei capoluoghi di Provincia (no da Contigliano a Rieti, ad esempio). Possibile per lavoro, salute o necessità o per servizi non presenti nel proprio comune. Vietato circolare dalle 22 alle 5, salvo comprovate necessità o salute. I locali sono in difficoltà, ma la consumazione è sempre vietata all’interno di bar e ristoranti e nelle adiacenze. Dalle 5 alle 18 permesso l’asporto di cibi e bevande da tutti i locali, dalle 18 alle 22 solo dai locali con cucina. Consegna a domicilio senza limiti di orario. Vietato consumare cibi e bevande in strade o parchi dalle 18 alle 5. Centri e parchi commerciali chiusi nei giorni festivi e prefestivi. Restano aperti all’interno farmacie, parafarmacie, presidi sanitari, punti vendita di generi alimentari, tabaccherie, edicole, librerie, vivai. Chiusi musei, mostre, teatri, cinema, palestre e piscine. Aperti i centri sportivi. Scuola: attività in presenza al 100% per scuole dell’infanzia, elementari e medie.

Alle scuole superiori didattica in presenza alternata per minimo il 50% e fino al 75% degli alunni. Università aperte/chiuse su autonoma decisione, in base all’andamento dell’epidemia. Riempimento massimo al 50% dei mezzi di trasporto pubblico locale, ad eccezione del trasporto scolastico dedicato. Sospese le attività di sale scommesse, bingo, sale giochi e slot machine anche in bar e tabaccherie.

Foto: RietiLife ©

Print Friendly, PDF & Email

1 Commento

  1. Fortunatamente molti bar non stanno accettando le restrizioni e in tanti hanno consumato regolarmente cappuccino e caffé all’interno dei locali nel pieno rispetto delle norme anticontagio. Ci sono imprenditori che hanno mutui da 200.000 euro per aver aprrto il bar o la pasticceria ed è giuto che continuino a lavorare.
    D’altronde a Rieti la situazione è sempre stata molto tranquilla, con la mortalità del 2020 in perfetta media con la mortalità degli ultimi 10 anni, come affermato anche dal Sindaco alcune settimane fa.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.