Pd: “Strisce blu? Cicchetti ha una faccia tosta…”

“La faccia tosta della Giunta Cicchetti è pari solo alla sua inconcludenza e la questione dei parcheggi a pagamento della Saba ne l’ulteriore riprova”: lo scrive il Gruppo Consiliare del Partito Democratico al Comune di Rieti.
“Sono mesi, era febbraio l’ultima volta, che come Partito Democratico chiedevamo di studiare una soluzione in vista della scadenza della concessione per la gestione dei parcheggi di superficie alla Saba Italia fatta dall’allora sindaco Emili per coprire i mancati incassi previsti, come esplicitamente scritto all’articolo 32, in quella sciagurata operazione ideata e portata a termine dallo stesso sindaco Cicchetti nel lontano 1997: un’operazione che ha dato in ostaggio il centro storico della nostra città all’allora Italinpa, oggi Saba Italia, fino al 2028″ dice il Pd.
“Come sempre le nostre richieste sono cadute nel vuoto ed oggi i cittadini reatini devono sopportare ennesimo teatrino della propagande che in tempi come quelli che stiamo vivendo non sembra essere affatto necessario.
Appare evidente a tutti e non potrebbe essere altrimenti che dalla chiusura delle attività a causa dell’emergenza COVID 19 infatti, a parte i residenti nel centro storico, non c’è più nessuno che utilizza i parcheggi blu quindi non comprendiamo a chi gioverà questa iniziativa sbandierata sui social dagli esponenti del centrodestra locale come chissà quale azione rivoluzionaria e innovativa. Resta però aperto il dilemma di come l’amministrazione Cicchetti intenda risolvere la questione con la Saba per il futuro: ci auguriamo che questa volta abbiano la decenza di non usare il Coronavirus come scusa perché una questione del genere e di questa portata doveva essere discussa con ampio anticipo” continua il Pd.
“L’ultimo punto riguarda i residenti del centro storico e colo che hanno pagato alla Saba l’abbonamento annuale per la sosta nei posti blu: un abbonamento evidentemente da oggi inutile e superfluo se i parcheggi diventanogratuiti. Forse sarebbe il caso per il bene della città togliesse ad alcuni membri della sua giunta le password per entrare nei social costringendoli a lavorare di più e parlare di meno: non sappiamo se gioverà alla città ma sicuramente saranno evitate altre brutte figure” conclude il Pd.
Foto: RietiLife ©
Print Friendly, PDF & Email

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.