65751065_2338692943085900_3584238066363006976_o

Il calcio reatino ricorda Tonino Tomassoni

(di Fabrizio Tomassoni) Il 25 giugno 1980 a soli quarantasei anni moriva a L’Aquila Antonio Tonino Tomassoni, insieme con Attilio “Lillo” Galassini il miglior prodotto del vivaio calcistico cittadino della sua storia ultraottantennale. Mediano/Mezzala di grande tecnica e visione di gioco e figlio di Tommaso Tomassoni (massaggiatore della Vaccarezza Rieti di serie B), Tonino iniziò la sua carriera a soli 15 anni nella Valentino Mazzola del 1949 poi passò alla nuova SS Rieti di Sabatino Iacoboni.
Nel 1955 il primo trasferimento al Perugia in IV Serie cui seguì il salto di qualità al Palermo di Cestmir Vycpalek. Fermato da un grave infortunio si trasferì alla FederConsorzi Roma, poi a L’Aquila in C. Nella stagione 1960-61 fu a Trapani, contribuendo anche con 10 reti a un insperato secondo posto a un punto dalla promozione in B. Passò al Parma di Sentimenti V in serie B e nel 1961-62 la Gazzetta dello Sport lo elesse miglior mediano della serie B stessa. Rifiutò il trasferimento alla Sampdoria, preferendo l’Ascoli in C dove per tre stagioni costruì con Carlo Mazzone una mediana insuperabile.  Infine, il ritorno a L’Aquila sempre in C e l’atto finale delle due stagioni al Palombara con il fratello Alberto nel 1970-72. A Tonino Tomassoni nel maggio 2014 è stata intitolata la Tribuna Centrale dello stadio Manlio Scopigno di Rieti.
Foto: F.TOMASSONI ©
Print Friendly, PDF & Email