corr4

ANIMALI MALTRATTATI, CONDANNATO IL CIRCO VICTOR / TUTTO PARTÌ DA RIETI

Doppia condanna per maltrattamento di animali a carico del Circo Victor: a inizio 2012 gli animali furono sequestrati nel piazzale del PalaSojourner dalla Forestale su disposizione della procura di Rieti (nella foto, il sequestro – leggi la notizia del 2012). Condanne sia dal tribunale di Pistoia che da quello di Chieti. Pistoia, a seguito di una denuncia presentata dalla Lav, ha condannato il circo a un’ammenda di 8mila euro, perché “senza necessità, ovvero con condotte omissive derivanti da incuria e inosservanza dei principi riconducibili alle caratteristiche etologiche delle singole specie animali, cagionava agli stessi lesioni”.

Lo rende noto la stessa Lav, assistita dall’avvocato Danilo Giacomelli. Nello specifico sarebbe stato provocato agli animali “uno stato di grave sofferenza e decadimento dello stato di salute” e, in alcuni casi, “vere e proprie lesioni dell’integrità psico-fisica”. Il tribunale di Chieti, invece, ha condannato il circo a un’ammenda di 5mila euro per detenzione incompatibile, perché “deteneva animali, e segnatamente pitoni ed anaconda, un leone marino, quattro alligatori, degli istrici africani, alcuni esemplari di rapaci ed altri volatili in gabbie ed in altre strutture di contenimento, inadeguate ed incompatibili rispetto alle caratteristiche etologiche delle singole specie e tali da produrre alle bestie gravi sofferenze”.

LA VICENDA Nel gennaio 2012 gli animali furono sequestrati dagli agenti del Corpo Forestale dello Stato, su disposizione della procura di Rieti, e il sequestro fu convalidato dalla Corte di Cassazione, che rigettò l’istanza di dissequestro. Del caso si è occupata anche Striscia la Notizia con un servizio di Edoardo Stoppa (leggi la notizia). “Le condanne di questi giorni rappresentano due duri colpi inferti dalla Giustizia all’autore di questi reati. A queste va aggiunta una ulteriore condanna inflitta lo scorso settembre dal Tribunale di Tivoli (Roma), che condannò lo stesso titolare al pagamento di un’ammenda di 2000 euro, per detenzione incompatibile – dichiara la LAV – Si tratta di un riconoscimento importante del lavoro svolto dalla nostra Associazione sin dal 2008, quando per la prima volta il Circo Victor fu denunciato”.

Foto (archivio 2012): RietiLife ©

Print Friendly, PDF & Email