“ValTurano Terra Nostra”: si è riunita l’associazione

Si è riunito sabato scorso 17 a Castel di Tora il Comitato promotore della costituenda Associazione ‘ValTurano Terra Nostra’ ideata allo scopo di difendere e valorizzare le identità e le potenzialità culturali, sociali ed economiche di un territorio marginale e poco rappresentato ad ogni livello come quello del Turano”. Lo scrive il Comitato Promotore dell’associazione Valturano Terra Nostra.

In tale contesto il Comitato ha preso in esame la situazione politico – amministrativa conseguente alle recenti, discutibili scelte operate dai sindaci in materia di sanità e servizi vari. Ci si riferisce, in particolare, alla decisione di proporre l’istituzione della “Casa della Salute, ora Casa della Comunità” di spettanza alla Valle turanense a Castel di Tora, in luogo di Colle di Tora, località dallo stesso comitato ritenuta migliore perché più centrale e già dotata di servizi sanitari; scelta poi addirittura non confermata per ragioni non note e sostituita dall’indicazione di Rocca Sinibalda; di spostare la sede della Comunità Montana da Castel di Tora a Roccasinibalda. In merito a questi spostamenti, contenuti in documenti praticamente ‘segreti’ che hanno ufficializzato scelte per nulla condivise né con le popolazioni né con i Consigli comunali, il Comitato esprime il proprio dissenso sia nel metodo seguito (assolutamente antidemocratico e per nulla trasparente) sia per le decisioni prese. Ritiene infatti che la collocazione ideale della nuova “Casa della Comunità” debba essere quella di Colle di Tora, peraltro già dotata di servizi sanitari, essendo quell’ubicazione assolutamente centrale rispetto alla Valle del Turano o, in alternativa, anche quella di Castel di Tora, non certamente collocata ai margini della stessa, come accadrebbe invece per Rocca Sinibalda. Il tutto, ovviamente, nella convinzione che sia la Regione a farsi carico delle relative spese di gestione. E a tutto ciò si deve aggiungere il programmato spostamento degli uffici della Comunità Montana dalla storica sede di Castel di Tora sempre a Rocca Sinibalda. In relazione a quanto sopra, il Comitato, nel sottolineare la leggerezza con la quale i sindaci hanno adottato queste loro decisioni, chiede agli stessi di aprire i necessari dibattiti pubblici sull’intera vicenda, al fine di tornare sulle proprie decisioni e chiede altresì alla Regione Lazio di non prendere alcun provvedimento in attesa della modifica di queste assurde e inconcepibili scelte, riservandosi di adottare ulteriori atti e forme di protesta in base dell’evolversi degli eventi. Ciò detto, appare più che logico concludere domandandosi: ‘Viste tali premesse, che ci riserva il futuro con questi personaggi?’ conclude il Comitato Promotore dell’associazione Valturano Terra Nostra.

Foto: RietiLife ©

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.