I

Scatta l’obbligo Green Pass per entrare al lavoro: ecco come funzionerà da oggi

(di Martina Grillotti) Scatta da oggi l’obbligo di Green Pass per entrare a lavoro con le nuove regole contenute nel Dpcm firmato da Draghi. L’esibizione del certificato verde (che si ottiene con la vaccinazione, la guarigione dal covid o un tampone negativo effettuato nelle 48 ore precedenti) sarà obbligatoria per i posti pubblici e privati fino allo scadere dello stato di emergenza che è momentaneamente fissato al 31 dicembre 2021.

Per via del fatto che il Green Pass si può ottenere anche con un tampone negativo, le farmacie del territorio registrano già un sensibile incremento delle prenotazioni per i test antigenici rapidi che consentiranno ai lavoratori non vaccinati di accedere comunque ai propri posti di lavoro. Ma come funzionerà nello specifico? A quanto si apprende dal testo del Dpcm “il possesso della certificazione verde e la sua esibizione sono condizioni che devono essere soddisfatte al momento dell’accesso al luogo di lavoro”. E dunque “È preciso dovere di ciascun dipendente ottemperare a tale obbligo a prescindere dalle modalità di controllo dell’azienda” che potranno essere eseguite anche a campione.

Per chi è vaccinato (o con tampone negativo) ma ancora senza Green Pass e Qr code, restano validi i documenti rilasciati in formato cartaceo o digitale dalle strutture sanitarie, dalle farmacie, dai laboratori di analisi, dai medici di famiglia o dai pediatri. Chi non avesse il Green Pass, fatta eccezione per coloro che non possono essere vaccinati, non potrà lavorare e l’assenza verrà considerata ingiustificata, per cui sarà sospeso dal pagamento dello stipendio. Coloro che sono esentati dal vaccino per motivi di salute avranno un QR code da verificare. Il lavoratore che entri in azienda senza Green Pass (scaduto o falso) potrà incorrere in una sanzione amministrativa che può andare da 600 a 1.500 euro. Il datore di lavoro, invece, che omette i controlli rischia una sanzione dai 400 ai 1000 euro.

Foto: Riccardo Fabi ©

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.