Rieti chiede più diritti: “Subito la legge contro omotransfobia, basta discriminazioni” | FOTO – VIDEO


Foto: Riccardo FABI ©

Oggi, sabato 15 maggio alle 16:30 anche Rieti ha avuto la sua piazza in difesa dei diritti, a sostegno della legge contro omotransfobia, misoginia e abilismo.“Legge Zan e molto di più: #NonUnPassoIndietro”; è questo il nome della campagna di mobilitazione a livello nazionale, scelto per sostenere il disegno di legge contro l’omotransfobia, la misoginia e l’abilismo, e protestare contro i continui ritardi della sua calendarizzazione in Senato.


La manifestazione si è svolta in contemporanea nelle piazze di numerose città italiane. Tra queste anche il nostro capoluogo, con Rieti LGBT+ Associazione Arcigay che aderisce alla campagna e presidierà piazza Vittorio Emanuele II. “Il disegno di legge è fermo al Senato e non procede – dichiara Domenico Di Cesare, presidente dell’associazione reatina – Non possiamo abbassare la guardia sulle discriminazioni e sul linguaggio d’odio che colpisce donne, persone LGBT+ e con disabilità; questa è una legge che non impedisce la libertà di espressione ma che previene il fenomeno della violenza per orientamento sessuale, identità di genere, sesso e disabilità, non solo con l’introduzione di specifiche aggravanti ma anche attraverso la formazione e l’informazione delle persone. Una legge di civiltà presente in molti Paesi europei e da molto tempo. Non c’è più tempo da perdere: approviamola subito.”

Alla manifestazione sono invitate tutte le persone, le associazioni e le realtà del territorio che hanno a cuore la tutela dei diritti; all’evento hanno già aderito: ARCI, ESC ARCI, La Leggera, SìAmo Rieti, Rieti Città Futura, Rete Studenti Medi, Rieti Respira Africa. La manifestazione si è svolta nel pieno rispetto delle normative Covid.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.