A Nerola gli ‘oscar green’ di Coldiretti

Si svolgeranno nell’incantevole cornice di Castello Orsini a Nerola gli Oscar Green 2020 di Coldiretti, che premiano le idee innovative dei giovani imprenditori del Lazio. In finale arriveranno otto delle trentatré aziende che hanno partecipato al concorso. E sono state proprio le categorie legate alla “Sostenibilità”e alla “Creatività”, le più partecipate tra le sei in gara, che comprendono anche “Noi per il sociale”“Campagna Amica”,“Impresa 5. Terra”“Fare rete”.

 

L’età media dei giovani imprenditore che hanno presentato i loro innovativi progetti, è inferiore ai trentacinque anni e va da un’età di 23 anni. La maggior parte di loro è titolare della propria impresa o ha un ruolo di amministratore delegato. Considerevole l’adesione di donne, che raggiungono quasi la metà dei concorrenti. E nel Lazio le aziende guidate da under 35 hanno superato quota mille. Tra le imprese che hanno aderito dieci provengono da Roma e provincia, nove da Viterbo, cinque da Latina e altre cinque da Rieti, mentre quelle di Frosinone sono quattro.

 

“Non è stato facile– dice il presidente di Coldiretti Lazio, David Granieri– riuscire a selezionare i vincitori, perché i progetti presentati sono davvero innovativi ed esprimono l’impegno e la passione dei nostri giovani per il loro lavoro. Gli Oscar Green rappresentano una grande occasione di confronto e crescita, ma anche la possibilità di creare nuove ed interessanti sinergie tra le imprese”.

 

L’azienda vincitrice avrà la possibilità di partecipare agli Oscar Green nazionali che si terranno a fine anno. Tra i progetti in gara spicca per la sua capacità innovativa l’idea di una giovane impresa di Sora, che ha creato un’app, www.winelistening.com, che è già tra le 50 più scaricate, in grado di abbinare con un algoritmo il giusto sound al vino che si sta bevendo. L’app è in grado di riconoscere oltre 2.5 milioni di vini solo dalla foto dell’etichetta.

E poi ci sono le “Agribombonere” realizzate da Cristina Scappaticci nel suo agriturismo di Arpino “Valle Reale”, con prodotti naturali come semi, legumi e fiori secchi.

Nella categoria “Noi per il sociale” troviamo anche il progetto presentato dalla Cooperativa sociale “Il cammino di Francesco”, nata nella Valle Santa reatina, che ospita e realizza nell’agriturismo e i terreni orticoli, progetti utili alla comunità e volti all’integrazione attraverso eventi di tipo artistico, intellettuale o didattico.

Tra le novità troviamo la “Topatina”, uno snack a base di Topinambur ideato da Graber, un’azienda agricola di Genazzano. Si tratta di tubero con meno potere calorico delle patate, un basso indice glicemico, dal potere ipocolesterolemizzante, con un elevato contenuto in sali minerali e vitamine, che lo rende un alimento adatto a tutti, compresi diabetici e celiaci.

E poi c’è la “Cantina subacquea di vino Bio Doc”, realizzata da Josè Amici, il titolare trentaquattrenne di un agriturismo “Il borgo Ariccia” www.ilborgoariccia.it, che dal 2010 produce olio, vino e grano. Ha avuto l’idea di affinare il vino nelle acque vulcaniche del Lago di Nemi, dove alla profondità di 18 metri ci sono 500 bottiglie di vino Roma Doc Rosso Bio, in accordo con il sindaco, i Nas e Coldiretti. E’ lui stesso, operatore tecnico subacqueo e istruttore professionale sub ad immergersi, ma richiede la presenza di personale in superficie e in acqua. Un progetto che prevede anche un percorso turistico storico e culturale che si lega alla storia del Lago e alle navi di Caligola.

 

“Continuano ad essere in crescita le imprese agricole under 35 – aggiunge Granieri– e molte di loro non hanno alle spalle l’azienda di famiglia, ma decidono di investire con le proprie forze e la propria energia in questo settore, mossi solo dalle capacità e dalla passione per questo lavoro. Rappresentano il nostro futuro le nuove generazioni e proprio per questo devono essere sostenute anche finanziariamente.Non possiamo lasciare da soli i nostri giovani, che sempre di più dimostrano di rappresentare la forza trainante della filiera agricola alla quale stanno dando il loro prezioso contributo”.

 

Ad aprire l’evento in programma martedì 29 settembre alle ore 10, moderato dal direttore di Coldiretti Lazio, Sara Paraluppi, sarà il sindaco di Nerola, Sabina Granieri. Il tema della tavola rotonda, che anticiperà le premiazioni, sarà “Il turismo territoriale italiano, una risorsa per i giovani”. Ne prenderanno parte Carmelo Troccoli, direttore di Fondazione Campagna Amica, Elisabetta Montesissa, direttore di Terranostra, Danilo Scenna, delegato Giovani Impresa Coldiretti Lazio, Francesco Panella, vice delegato Giovani Impresa Coldiretti, Nicola Di Noia, direttore Unaprol, Francesco Bosio, direttore Op Latium e David Granieri, presidente di Coldiretti Lazio, che farà un approfondimento sul tema insieme all’assessore Turismo e Pari opportunità della Regione Lazio, Giovanna Pugliesee al presidente della commissione Bilancio, programmazione economico-finanziaria della Regione Lazio, Fabio Refrigeri. 

Foto: RietiLife ©

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.