Delusione_Rieti_EG7_8746_Life

Solo fischi e buio per il Rieti: il Teramo vince pure a giri bassi: 2-0 | I tifosi: “Mariani vattene” – FOTO

Foto: Gianluca VANNICELLI ©

(di Christian Diociaiuti) Un Rieti scollato in tutti i suoi reparti, mollo, senza idee e senza chance perde in casa contro il Teramo che, pur non giocando una partita da ottava in classifica (contro l’ultima, il Rieti appunto) vince 2-0 allo Scopigno. Re di giornata, Birligea, da poco entrato in partita e autore di una rete a tratti fortunata, dove sfrutta un tiro che diventa assist, firmato da Bombagi. Nel finale chiude i giochi Magnaghi. Match avaro di chance da ambo le parti ma che il Rieti avrebbe potuto portare dalla sua con qualche idea in più.  La migliore opportunità è sicuramente quella di Celli nel corso della ripresa, parata decisa di Tomei. Forte la contestazione delle scelte di Mariani da parte del pubblico. RISULTATI E CLASSIFICA Per il Rieti la 18esima sconfitta, la terza di fila. Teramo che torna a vincere dopo due ko. Amarantocelesti sempre più ultimi e in un clima tesissimo. Il Rieti è nel buio più totale.

ASSETTO – Mariani sceglie un 3-5-2 e conferma il suo assetto preferito: Merelli tra i pali, Aquilanti, Celli e Mirko Esposito in difesa, sostenuti dagli eterni Kalombo e Zanchi. Centrocampo con Morrone e De Paoli guidati da Zampa. Persano e De Sarlo avanti. Teramo che replica col 4-3-1-2: Tomei in porta; Cancellotti, Piacentini, Soprano, Tendardini in difesa; Costa Ferreira, Viero, Ilari a centrocampo; Mungo dietro a Bombagi e Magnaghi.

“MARIANI NON LO VOGLIAMO” – Durante la gara sono continui i cori e le urla contro il tecnico del Rieti, Mariani: “Vattene” e “Non ti vogliamo” sono le frasi rivolte al tecnico amarantoceleste, contestatissimo. La curva invoca Bruno Caneo. Fischi anche per De Sarlo ad ogni tocco di palla.

NOIA – Nella prima frazione il ritmo è essere anche alto, ma di chance se ne vedono poche. Il Rieti chiede un rigore su Persano che sembra non esserci e le due squadre si alternano in fase offensiva senza pungere. In un contrasto difensivo, poi, a metà prima frazione, Aquilanti s’infortuna ed esce per Fiumara. Al 41’ un’occasione: è di Ilari del Teramo, che si gira e di sinistra manda di poco alto sulla traversa. La gara si conclude con zero conclusioni dei padroni di casa e tanti fischi all’uscita della squadra, che non ha idee, ha reparti scollati e affaticati.

CELLI CI PROVA – Al secondo giro di lancette De Paoli si mangia un gol fatto: recupero sulla trequarti, guadagna metri e di pallonetto può spiazzare il portiere, ma sparacchia alto. La replica è su calcio piazzato, di Bombagi: punizione da sinistra, blocca Merelli. E poco dopo è Mungo a confezionare un diagonale pericoloso, fuori di poco. A metà ripresa occasionissima: Tirelli batte un corner, Celli si avventa sulla sfera e spinge al volo con la suola la palla verso la porta, Tomei respinge. È la chance più importante del match.

DUE GOL – Alla mezzora si sblocca la gara: in un’azione offensiva ospite, velo di Costa Ferreira, palla a Bombagi che tira da fuori. Si rivela un assist Birligea che, sul filo del fuorigioco, fredda Merelli. Birligea era entrato da appena 6’. Magnaghi chiude la gara: triangolo nell’area piccola, Cancellotti serve Magnaghi ed è 2-0 che regna fino alla fine e condanna il Rieti. La retrocessione è difficile da evitare.

UOMO RIETILIFE – Kalombo, secondo la tribuna stampa dello Scopigno, è il migliore del Rieti per la generosità offerta durante la gara. Menzione per De Paoli.

IL TABELLINO

RIETI-TERAMO 0-2

MARCATORI Birligea al 30’ e Magnaghi al 44’ s.t.

RIETI (3-5-2) Merelli 5; Aquilanti s.v. (dal 25’ p.t. Fiumara 5), Celli 6, M.Esposito 6 (dal 37’ s.t. Del Regno s.v.); Kalombo 5, Morrone 5 (dal 9’ s.t. Tirelli 5,5), Zampa 5,5, De Paoli 5,5, Zanchi 5; Persano 5, De Sarlo 5. (Addario, Pegorin, Serena, Marchi, Tiraferri, Vignati, Granata, Rasi, Bartolotta). All. Mariani 5.

TERAMO (4-3-1-2) Tomei 6,5; Cancellotti 6, Piacentini 6, Soprano 6, Tendardini 6; Costa Ferreira 6, Viero 6 (dal 23’ s.t. Birligea 7), Ilari 6 (dal 17’ s.t. Cappa 6); Mungo 6 (dal 42’ s.t. Florio s.v.); Bombagi 6,5, Magnaghi 6,5. (Valentini, Lewandowski, Cristini, Iotti, Fiore, Samele, Di Nisio). All. Di Mascio 6,5.

ARBITRO Pirrotta di Barcellona Pozzo di Gotto 6,5

NOTE paganti 445, abbonati 246, incasso di 3682 euro; ammoniti Persano, Zampa, Fiumara, De Sarlo, Soprano. Angoli 5-3.

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.