Camera_Commercio_5565_life

Sindacati: “Accorpamento Camera di Commercio segnale negativo per territorio”

“La possibilità che la Camera di Commercio di Rieti chiuda i battenti per rinascere accorpata insieme con quella di Viterbo va scongiurata. Se ciò accadesse, sarebbe l’ennesimo segnale negativo per il nostro territorio, che negli anni ha già perso competitività e migliaia di posti di lavoro”. Lo dicono in una nota congiunta i segretari reatini di Cgil, Cisl e Uil, Stefano Rinaldi, Paolo Bianchetti e Alberto Paolucci.

“Siamo sempre stati contrari all’eventualità dell’accorpamento – ricordano Rinaldi, Bianchetti e Paolucci – non a caso nel luglio 2018 avevamo sollecitato il Presidente ad attivarsi per rinnovare le cariche e il relativo Consiglio Camerale, un modo questo per rilanciarne l’intera attività e autorevolezza. In tutto questo tempo nulla è stato fatto. Tutto fermo, tutto immutato. E adesso per l’ente di via Borsellino incombe la figura del commissario”.

“Si può sostenere anche la tesi opposta – concludono i segretari – ma per noi lo stallo che si è protratto per tutto questo tempo in tema di rinnovamento degli organi non ha affatto giovato all’Ente. A questo punto se un commissario deve venire, venga pure ma solo per rinnovare nomine e cariche che da quasi due anni la nostra Camera di Commercio sta aspettando. Nessun altro compito dovrà avere il commissario, nessuna ipotesi di accorpamento con la Tuscia, perché questa provincia non può essere svuotata, in attesa della sentenza della Corte Costituzionale del prossimo 8 Aprile”.

Foto: RietiLife ©

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.