83403389_260110648289097_6997633483426234368_n

“In città c’è troppa insensibilità sui parcheggi rosa, perché?” | LA LETTERA

Riceviamo e pubblichiamo la lettera di una lettrice: si parla di parcheggi rosa in città.

Scrivo da parte di mia sorella per toccare un tema già trattato in precedenza, quello dei parcheggi rosa. Come previsto, ha usufruito della possibilità di avere il tesserino per parcheggiare in questi parcheggi ma, come al solito, essi vengono occupati da macchine in cui di tesserini nemmeno l’ombra, proprio come nel parcheggio rosa davanti all’INPS o quelli davanti al Carrefour.

Non si può fare niente in merito, lo sappiamo, ma il buon senso vorrebbe che se puoi permetterti un bel SUV puoi anche permetterti di pagare 1,10 euro per un’ora di parcheggio blu, come fanno tutti, lasciando gli appositi parcheggi alle persone a cui sono destinati. È assurdo il menefreghismo di queste persone e la mancanza di decenza. A Rieti vogliono tutti la comodità finendo anche con il togliere un servizio a chi è dovuto. Alla fine, ha parcheggiato in un parcheggio blu ma ha lasciato questo biglietto (nella foto grande) così che chiunque possa leggerlo con la speranza che queste persone inizino ad avere un minimo di rispetto nei confronti degli altri. Grazie.

Foto: RietiLife ©

Print Friendly, PDF & Email

1 Commento

  1. Il problema non è essere incivili ma da leggi sbagliate, in Italia ci sono più invalidi con cartellino di quanti ce ne siano in mezza europa. Dicono che siamo un popolo di incivili ma la realtà e che siamo un popolo di invalidi mentali e non di invalidi che hanno veramente bisogno