REFRIGERI7

Refrigeri: “Nuova corsa Roma-Rieti via treno, aspettando i bimodali: investiti 76 milioni”

Domani entrerà in funzione una nuova corsa via treno tra Roma e Rieti (leggi). Sulla questione è intervenuto il consigliere regionale Fabio Refrigeri.

“In vista dell’entrata in funzione dei nuovi treni bimodali acquistati dalla Regione Lazio, la collaborazione con Trenitalia e Ferrovie dello Stato dà i suoi frutti e domani i pendolari reatini potranno usufruire di un nuovo treno diretto che da Tiburtina arriverà alla stazione di Rieti. La nuova corsa partirà dalla stazione romana alle 13.58 e arriverà nel capoluogo sabino alle 15.43, permettendo ai lavoratori e gli studenti reatini di poter scegliere questa soluzione che non prevede cambi, come quelle della mattina da Rieti alle ore 6.10 e 11.35 e quella del ritorno la sera alle 20.35 da Roma, in attesa che i nuovi treni bimodali già acquistati dalla Regione Lazio siano messi in esercizio la prossima primavera”.

“Un investimento – aggiunge Refrigeri – di 76 milioni di euro da parte della Regione per mettere a disposizione dei pendolari reatini treni diesel in grado di viaggiare anche sul tratto di Alta velocità Orte-Roma permettendo, passando per Terni come già avviene per le altre corse dirette, di offrire una valida alternativa al trasporto su gomma con una frequenza maggiore e più adeguata alle esigenze di chi da Rieti si muove su Roma per motivi di lavoro o di studio. Un risultato rilevantissimo per la nostra provincia ottenuto grazie al lavoro e all’impegno della Giunta Zingaretti che da quasi 7 anni, in silenzio e con tenacia, ha restituito al nostro territorio la dignità che merita non facendo più apparire i cittadini reatini di serie B rispetto altre comunità più numerose e quindi più appetibili elettoralmente come nel caso degli investimenti in Sanità o per il riconoscimento del ristoro per l’interferenza d’ambito per esempio. È  evidente che l’entrata in funzione dei treni bimodali e il miglioramento del collegamento su ferro tra Rieti e Roma non deve far cedere o distrarre dal potenziamento della rete infrastrutturale le cui basi e linee di finanziamento sono state già individuate e tracciate dalla passata Giunta Zingaretti in sintonia con l’allora Governo Gentiloni” conclude.

Foto: RietiLife ©

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.