terremoto_amatrice_panorama8422

Zona franca urbana, c’è la proroga per le nuove imprese del cratere

Una buona notizia per le imprese del cratere sismico. Dopo diversi mesi di attesa, il Ministero per lo Sviluppo Economico ha emanato una circolare esplicativa (n. 243317 del 6 giugno 2019) in ordine ai beneficiari, alle modalità di richiesta e fruizione delle agevolazioni previste dalla Zona Franca Urbana Centro Italia.

La Legge di Bilancio 2019 aveva, infatti, stabilito la proroga del regime agevolato della Zona Franca Urbana (ZFU) per i periodi di imposta 2019-2020. Pertanto, le imprese che sono già state ammesse all’agevolazione, potranno continuare a beneficiarne, nei limiti del plafond indicato in fase di richiesta. Sono inoltre ammesse all’agevolazione anche le nuove imprese che hanno avviato la propria attività dopo il 31 dicembre 2017 o che si impegnano a iniziare l’attività entro il 31 dicembre 2019.

La circolare stabilisce alcune esclusioni:

imprese dei settori edilizia e impiantistica (lettera F dei codici ATECO 2007) che al 24 agosto 2016 non avevano sede legale o operativa nei territori del cratere sismico;

– imprese che hanno ottenuto agevolazioni per la ZFU ma alla data del 31/12/2018 non avevano ancora avviato la fruizione dell’importo concesso;

– imprese che alla data di presentazione della nuova istanza non abbiano ancora restituito le somme dovute a seguito di provvedimenti di revoca di agevolazioni concesse dal Ministero.

Possono accedere alle agevolazioni i soggetti che operano in tutti i settori di attività economica, con l’esclusione del settore pesca e acquacoltura. Ovviamente l’importo richiesto sarà concesso nei limiti dei regolamenti De Minimis sui contributi pubblici già ricevuti dall’impresa.

L’agevolazione della ZFU consiste nell’esenzione dal versamento delle imposte sui redditi, IRAP, IMU degli immobili produttivi ed esonero su contributi previdenziali e assistenziali a carico del datore di lavoro sulle retribuzioni da lavoro dipendente. Le agevolazioni vengono fruite tramite riduzione dei versamenti da effettuarsi tramite F24, utilizzando un codice tributo che sarà comunicato prossimamente dall’Agenzia delle Entrate.

Le domande dovranno essere presentate esclusivamente in modalità telematica, tramite piattaforma del Mise, dal 18 giugno al 18 luglio 2019. Si evidenzia che l’ordine temporale di presentazione delle istanze non determina alcun vantaggio  o penalizzazione, le istanze presentate il primo giorno utile saranno quindi trattate alla stessa stregua di quelle presentate l’ultimo giorno.

Molto importante: per le imprese già beneficiarie del regime ZFU è necessario presentare una nuova domanda per ottenere la proroga delle agevolazioni.

Per ulteriori informazioni vi invitiamo a contattare l’Ufficio Fiscale di Confartigianato Imprese Rieti, tel. 0746 218131-274435, [email protected]

Foto (archivio): RietiLife ©

Print Friendly, PDF & Email