RIETI_TORANO28POMPILI

Radio Maria: “Terremoto castigo divino”. La furia del vescovo Pompili: “Scempiaggini blasfeme”

(Adn Kronos) “Scempiaggini blasfeme”. Il vescovo di Rieti, monsignor Domenico Pompili, condanna senza mezzi termini le affermazioni di Radio Maria sul terremoto come “castigo divino” dopo le unioni civili. Il Vaticano, con il sostituto alla segreteria di Stato, Angelo Becciu, ha bollato come “offensive per i credenti e scandalose per chi non crede” le affermazioni uscite da Radio Maria (che ha comunque preso le distanze dalle esternazioni di padre Giovanni Cavalcoli). Interpellato dall’Adnkronos, mons. Pompili che dallo scorso agosto è in prima linea nell’aiuto agli sfollati con la sua diocesi, osserva: “L’idea di una punizione divina è già di per sé una caricatura divina. Un’affermazione inaccettabile. Siamo di fronte a scempiaggini e ad una forma di blasfemia. Si tratta di una idiozia anche da un punto di vista teologico”.

Il vescovo di Rieti pensa alla sofferenza della sua gente e al fatto che lo sciame sismico non si arresta: “Il dramma vero è che le scosse non si esauriscono. Questa tragedia senza fine colpisce gli affetti, mette a dura prova la fede ma è proprio davanti a tragedie di questa entità che chi pronuncia scempiaggini di questo tenore dovrebbe ricordare che significhi ‘non nominare il nome di Dio invano’. In questo caso poi è una idiozia anche da un punto di vista teologico”.

Foto: RietiLife ©

Print Friendly, PDF & Email