cena_chef_stellati_7282_life

FOTO – Bottura, Cracco e i Serva cucinano per Amatrice: 200 ospiti nell’esclusiva cena benefica

(r. l.) “Non vogliamo che si spengano i riflettori su Amatrice“. Maurizio e Sandro Serva del Ristorante La Trota, danno così il benvenuto agli oltre 200 ospiti presenti alla serata conclusiva de “Le Stelle Tornano a Scuola” con sei chef stellati, tra cui Massimo Bottura e Carlo Cracco (insieme ai fratelli Serva), intenti a proporre un menù di sei portate che si concluderà con un’amatriciana. Ad ospitare l’evento, l’aula magna dell’istituto Alberghiero Costaggini a Rieti (nell’ex sede del Vanoni).

A servire ai tavoli e ad organizzare la sala c’erano i ragazzi del Costaggini ma anche quelli dell’Alberghiero di Amatrice. Tutti emozionatissimi per gli ospiti e soprattutto per il privilegio di lavorare con chef stellati del calibro di Bottura e Cracco.

Il fine della serata (e di quelle precedenti di sabato e domenica appena scorsi) è quello di aiutare la ricostruzione dell’Alberghiero di Amatrice, oggi ospitato nell’ex Sabina Universitas, in via dell’Elettronica. I fratelli Serva si sonod etti pronti a ripetere l’iniziativa annualmente.

“Mi sembra di essere alla Trota, ci sono tanti amici, tanti clienti” ha detto Sandro Serva dal palco, con la presentazione della serata affidata al giornalista gastronomico Luigi Cremona.

Un parterre de rois per la cena stellare: tra i duecento ospiti l’ex allenatore di Manchester City e Inter, Roberto Mancini, ma anche il Ministro Angelino Alfano: “Complimenti Maestro” ha detto al suo arrivo all’Alberghiero il Ministro dell’Interno a Sandro Serva. Ad accompagnare il Ministro, il figlio Cristiano. Il ministro ha voluto salutare tutti gli studenti alla reception e si è fermato a parlare di cibo con gli espositori presenti nella zona aperitivo.

Presenti gli esponenti della politica locale – dal sindaco di Rieti Simone Petrangeli al deputato Fabio Melilli, fino all’assessore regionale Fabio Refrigeri ed il presidente della Provincia Giuseppe Rinaldi – ma anche altre personalità locali, come Sandro Giovannelli (allo stesso tavolo di Mancini) e l’attaccante del Frosinone Federico Dionisi. Per Amatrice non c’era il sindaco Sergio Pirozzi ma il vicesindaco Gianluca Carloni.

La serata con gli chef stellati è l’apice di un tris di serate in cui hanno cucinato gli chef reatini, poi quelli della cucina romana e laziale e poi gli stellati. Oltre 70 gli chef impegnati nelle tre serate.

Foto: Gianluca VANNICELLI / Agenzia PRIMO PIANO ©

Print Friendly, PDF & Email