Senza titolo-1

Nuoto, a Campoloniano i Play The Games Special Olympics nel weekend

Rieti si tuffa nello sport inclusivo grazie ai Play the Games di Nuoto in programma da domani, venerdì 10 giugno, a domenica 12 giugno presso la piscina Aria Sport di via Oreste di Fazio, in località Villa Reatina. Tanti i team provenienti dalle regioni dell’Italia centrale che si sfideranno a colpi di bracciate in quello che rappresenta uno dei 18 grandi eventi che compongono il percorso dei Giochi 2016, validi anche per valutare il percorso utile all’individuazione degli Atleti per i prossimi eventi internazionali.

Sperimentati per la prima volta lo scorso anno, i Play the Games trasformano i Giochi Nazionali in tanti appuntamenti interregionali che abbracciano tutta l’Italia. Un modo per aumentare le opportunità di partecipazione per un numero crescente di Atleti e di sensibilizzare in maniera più profonda il territorio ai temi della disabilità intellettiva e dell’inclusione.

Rieti, che per la terza volta accoglie una manifestazione di nuoto di Special Olympics nei suoi impianti, avrà così l’opportunità per vivere significativi momenti che possono sensibilizzare il territorio diffondendo la conoscenza sulla disabilità intellettiva, educando i più giovani alla comprensione e alla valorizzazione della diversità in ogni sua più ampia espressione. A bordo vasca, accanto agli Atleti, un folto gruppo di volontari delle scuole superiori reatine, coordinati da Riccardo Fovi e Giulia Giorgio Olivieri e supportati da un altro nucleo  di volontari storici provenienti da Palestrina.

“Rieti torna a ospitare un grande evento Special Olympics – spiega il direttore del Team Lazio, Stefania Cardenia – e ogni volta lo fa riuscendo a creare le condizioni ideali per vivere grandi emozioni. Il fuoco olimpico che si è acceso nella sala Tevere della Regione Lazio è transitato per Frascati, che due settimane fa ha accolto team da tutta l’Italia centrale per i Play the Games di Atletica. Ora la bellissima piscina reatina raccoglie il testimone di questa staffetta olimpica per accendere l’entusiasmo di tante persone con disabilità intellettiva e non. Vi aspettiamo per condividere con noi questa opportunità, partecipando, anche solo per applaudire, questo grande spettacolo di sport e inclusione”.

Il direttore provinciale di Special Olympics Morena De Marco, con tutto il comitato organizzatore dei Play the Games, intende ringraziare la Regione Lazio, il Coni, il Comune e Provincia di Rieti, la Croce Rossa Italiana, Safaro, la Fondazione Varrone, il dirigente scolastico dell’Istituto Comprensivo di Villa Reatina professoressa Paola Testa e soprattutto Aria Sport, nella persona di Alessio Martini, per la disponibilità dimostrata nell’organizzazione dell’evento.

Foto: PTG ©

Print Friendly, PDF & Email