Chiuse_Bonifica_4504_Life

CONSORZIO DI BONIFICA, CGIL: “LAVORATORI SENZA STIPENDIO, QUALCUNO DEVE PAGARLI”

Antonio Polidori, della Flai Cgil Rieti, torna sulla questione della Bonifica Reatina e sui suoi dipendenti, senza stipendio. “Dopo il Natale viene la Pasqua, ma per i dipendenti del consorzio della bonifica di Rieti é una quaresima permanente – scrive Polidori – Rimangono senza stipendio, l’ultima volta gli é stato pagato nel luglio 2014, sono stati licenziati? Non possono essere licenziati. Il ‘pasticciaccio brutto’ di via Dupré Theseider a Rieti é che il consorzio non può essere sciolto, che la Regione Lazio non può commissariarlo, essendo debitrice nei confronti del Consorzio stesso di qualche milione di euro, che i lavoratori debbono soprintendere agli impianti di bonifica, che siano pagati o no. Sono mesi e mesi che Assessore e Consigliere Regionale rassicurano le Organizzazioni Sindacali, ed i lavoratori, sul fatto che: ‘ecco, ora, adesso, ci stiamo lavorando, in 24 ore riformiamo tutto e poi si risolve, etc etc.’ Questi lavoratori e le loro famiglie,  se ce la faranno a sopravvivere, qualcuno prima o poi li dovrà pagare, e con gli interessi. Questi Amministratori non pagheranno mai perché sono impuniti ed impunibili, anche se le loro scelte (sbagliate) ricadranno su tutti noi, anche se a pagare gli stipendi a quegli operai e a quegli impiegati saranno le tasse prelevate, alla fonte, ad altri impiegati e ad altri operai. E’ complicato in queste condizioni immaginare un futuro di convivenza civile e di coesione sociale, che dopotutto dovrebbe essere il fine della politica, é complicato immaginare un futuro della politica. Chissà se lo sanno e se gliene importa qualcosa a quelli che adesso comandano seduti su quelle poltrone”. Foto (archivio) RietiLife ©

Print Friendly, PDF & Email