Comune_3918_life

“SERVE UN OSSERVATORIO CONTRO USURA E RACKET” / LA PROPOSTA DI PD E ALLEANZA PER RIETI

Istituire l’Osservatorio Permanente per la legalità. Questo il proposito esposto in una nota dai consiglieri comunali Bernardino De Marco, Vincenzo Di Fazio, Emanuele Donati, Fabrizio Marchili, Alessandro Fiorenza, Sergio Quattrini, Anna Maria Grazia Massimi, Ilaria Barbante, Giacomo Appolloni.

«In un contesto di recessione, di crisi economica, di fragilità generale del sistema produttivo, c’è il rischio che le azioni illegali si diffondano in maniera esponenziale con tutto ciò che ne consegue in termini di usura, riciclaggio, racket, pizzo e criminalità organizzata. Promuovere e difendere la legalità e la sicurezza sono fra gli obiettivi prioritari che le istituzioni si devono porre per tutelare gli anelli deboli della società e del settore produttivo locale, anche al fine di garantire percorsi e regole ben definiti. Sappiamo che senza legalità non può esserci uguaglianza e diventa impossibile costituire una società più giusta. Per queste motivazioni il nostro territorio, la nostra città, non devono considerarsi immuni da infiltrazioni criminali, che potrebbero diffondersi nei diversi settori dell’apparato produttivo. Nell’edilizia, nel commercio, nell’artigianato, sono sempre più le attività che rischiano di dover fare i conti con la malavita organizzata. Ritenendo che la legalità è uno degli elementi primari per la competitività ed il rilancio del sistema economico e produttivo, è necessario porre come condizione che il Comune di Rieti si faccia garante di un nuovo patto sociale a difesa dei cittadini e delle aziende. L’azione dell’Amministrazione deve essere incisiva, tesa ad ottenere risultati concreti per contribuire a prevenire e limitare i fenomeni di corruzione, penetrazione criminale, evasione fiscale, contraffazione, sicurezza nel territorio, nelle strade e nei quartieri. Al riguardo è imprescindibile promuovere una diretta collaborazione tra Amministrazione Comunale, Forze dell’Ordine, parti sociali e cittadini nelle loro diverse articolazioni ed espressioni, al fine di contribuire alla diffusione della cultura della legalità anche nelle scuole. Per le ragioni di cui sopra, ci impegniamo a costituire e a regolamentare quanto prima l’Osservatorio Permanente per la Legalità, inteso come organismo permanente, con funzioni consultive e propositive, di studio, ricerca, documentazione, monitoraggio, supporto e collaborazione per le attività dell’Ente a sostegno della legalità e per la valutazione e prevenzione dei fenomeni di illegalità presenti sul territorio. Nella nostra idea l’Osservatorio sarà composto dal Prefetto, dal Sindaco del Comune di Rieti, dal Presidente della Provincia, da un rappresentante per ciascuna delle Forze dell’Ordine, da un rappresentante per ciascuna delle Associazioni antimafia e antiracket e/o antiusura effettivamente operanti sul territorio, da un rappresentante per ciascuna delle Associazioni sindacali confederati CGIL, CISL, UIL e UGL operanti sul territorio, da un rappresentante per ciascuna delle Associazioni di categoria del commercio, industria e artigianato operanti sul territorio». Foto (archivio) RietiLife ©

Print Friendly, PDF & Email