opera_roma_97110_life

DUE REATINI LICENZIATI AL TEATRO DELL’OPERA DI ROMA

Ha fatto molto discutere la recente notizia del licenziamento collettivo dell’Orchestra e del Coro del Teatro dell’Opera di Roma, decisione drastica presa dal Cda del più prestigioso Teatro della Capitale a seguito di varie vicissitudini culminate con il rifiuto del Maestro Riccardo Muti ad assumere la direzione dell’organico. Pochi reatini sanno che tra i grandi professionisti vittime di tale clamoroso licenziamento si contano anche due nostri concittadini, musicisti d’eccellenza nativi dei nostri luoghi ed approdati all’Opera di Roma dopo anni di intensi studi musicali. Si tratta di Angelo De Angelis e Sabrina Tolli. Il Maestro Angelo De Angelis nasce a Cantalice, dopo gli studi al Conservatorio de L’Aquila inizia una brillante carriera musicale, costellata di premi e prestigiose collaborazioni, tra cui quella con l’Orchestra Nazionale di S.Cecilia di Roma, il Teatro La Fenice di Venezia, l’Orchestra da Camera Italiana diretta da Salvatore Accardo, ed ancora l’Orchestra Sinfonica Abruzzese e quella Regionale del Lazio. Dal 2001 è primo clarinetto solista dell’Orchestra dell’Opera di Roma, diretto dai più celebri maestri orchestrali del mondo. Il Soprano Sabrina Tolli, residente a Santa Rufina, diplomata in canto lirico al Conservatorio de L’Aquila, negli anni riceve premi e riconoscimenti di grande prestigio e fa parte stabilmente del Coro del Teatro dell’Opera da ben 23 anni. Sia Angelo che Sabrina hanno ricoperto i propri ruoli risultando vincitori di concorso internazionale tra migliaia di candidati in lizza. L’augurio è che entrambi i nostri concittadini – così come l’organico collettivo del Coro e dell’Orchestra del Teatro dell’Opera di Roma – siano velocemente ricollocati in una posizione lavorativa che ne esalti il talento e gli anni di studi conseguiti, in modo che possano proseguire a dare il proprio prestigioso contributo culturale, musicale e sociale alla città di Rieti, a quella di Roma ed all’Italia tutta. (ha collaborato Sabrina VecchiFoto: dal web ©

Print Friendly, PDF & Email