Quelli di Villa Sant'Anatolia

SU FACEBOOK SI RITROVANO PER RICORDARE I CAMP DI VILLA SANT’ANATOLIA: NASCE L’EVENTO

Si sono ritrovati attraverso un apposito gruppo creato su Facebook i tanti reatini di diverse generazioni che, negli anni, sono passati attraverso i campiscuola di Villa Sant’Anatolia: il vecchio convento in riva al Turano, tra Colle di Tora e Castel di Tora – santuario dedicato alla martire sabina patrona di Castel di Tora e già casa estiva del Pontificio Collegio Greco di Roma – che dal 1972 al 2005 è stato utilizzato come casa di spiritualità dalla Diocesi reatina per campi, ritiri, esperienze spirituali che hanno accolto migliaia di giovani non solo da Rieti ma anche da altre parti del Lazio e d’Italia. Ora che la struttura, di proprietà della Santa Sede, non è più, purtroppo, a disposizione della Diocesi, tante persone oggi adulte, che da ragazzi sono passati per i campi di Villa Sant’Anatolia, hanno voluto condividere i loro ricordi pubblicando foto di bei tempi andati e richiamando le belle esperienze vissute che hanno lasciato in molti un segno indelebile.

 

Breve il passo dalla semplice nostalgia alla volontà di rivivere almeno in parte atmosfere e valore spirituale di quei momenti, con la proposta di una rimpatriata. Un gruppo di affezionati si sta dunque dando da fare nell’organizzare un “Sant’Anatolia day” aperto a chiunque si senta legato alla Villa e abbia mantenuto un bel ricordo dei campi lì vissuti. L’iniziativa si svolgerà domenica 8 giugno presso il santuario francescano della Foresta, dove ci si ritroverà sin dal mattino per una giornata alla quale non mancherà il principale artefice della storia di Villa Sant’Anatolia, quel don Luigi Bardotti che alla gestione della casa e all’animazione di tanti campi ha dato l’anima per anni. Sarà lui ad aprire la giornata con un momento di preghiera e a concluderla, nel pomeriggio, con la celebrazione della Messa della solennità di Pentecoste.

 

Il programma prevede il raduno sin dalle 9 del mattino. Si resterà insieme anche per attività ludiche e il pranzo (presso la dépendance del vicino ristorante La Foresta) e naturalmente per scambiarsi foto, ricordi, suggestioni delle esperienze vissute in tanti anni. Dopo la celebrazione eucaristica, non mancherà (anche se non in notturna) il tradizionale falò. Per tutti i partecipanti, ci sarà un apposito gadget ricordo della giornata.

 

Le iscrizioni si raccolgono entro il 31 maggio (punti di raccolta in città: il negozio Scasciafratte in via Vespasiano, il Bar Crosby in piazza Marconi, il ristorante Da Tito in via S. Rufo, lo studio Martellucci a Campoloniano), versando la quota di partecipazione. È possibile farlo anche attraverso apposita Postpay. Per tutte le informazioni: telefono 333/1410102, email [email protected] Su Facebook cercare il gruppo “Quelli di Villa Sant’Anatolia”. Foto: SANT’ANATOLIA DAY©

Print Friendly, PDF & Email