plus_conferenza28

PLUS, LA CITTÀ SI TRASFORMA: I LAVORI DURERANNO FINO A SETTEMBRE 2015 / ECCO COME CAMBIERÀ

Lavori al via da subito e non più lunghi di un anno e mezzo. A fine settembre 2015 il centro di Rieti avrà un’altra faccia a seguito dei lavori Plus (Piano Locale e Urbano di Sviluppo), finanziati dalla Regione per oltre sette milioni di euro. Una riqualificazione radicale per Piazza Vittorio Emanuele II, Piazza Cesare Battisti, piazza San Pietro Martire, il polo culturale di Santa Lucia e Largo Mariano Vittori (compresa via Cintia) che, da come si evince dalle foto, cambieranno totalmente aspetto e lo faranno fare a loro volta al centro storico. Novità importante sarà l’ascensore, il verde soprattutto in piazza Cesare Battisti (non più concepita come enorme parcheggio), la sala polifunzionale a piazza San Pietro Martire, la pavimentazione nuova e l’illuminazione dedicata. Per le prime quattro zone elencate, i lavori partiranno entro la prima quindicina di marzo (il dieci è stata indicata come la data d’avvio) mentre per largo Vittori c’è in atto un contenzioso: la ditta arrivata seconda nell’appalto è ricorsa al Tar che si pronuncerà ad aprile sulla questione. I Plus sono stati presentati stamane dal sindaco simone Petrangeli, dal vicesindaco Emanuela Pariboni, dall’assessore alla viabilità Carlo Ubertini, dal dirigente del V settore del Comune Maurizio Peron e dal’architetto reatino Fabio Pitoni, che ha avuto il compito, attraverso una lunga serie di slide, di spigare gli interventi e perché essi sono stati concepiti così, spesso anche basandosi su vecchi assetti del centro e su zone ormai inesistenti, per richiamare la memoria storica della città. A giugno verranno presentati i cosiddetti interventi immateriali (Wi-Fi, realtà aumentata, percorsi per ipovedenti, telecontrollo ed altro) che si inseriscono sempre all’interno dei Plus. Tutto mentre è già stata progettata la riqualificazione di piazza San Rufo e del piano terra del Palazzo Comunale, lavori “che potranno essere eventualmente appaltati utilizzando le somme derivanti dai ribassi d’asta dei lavori” già citati. Nei progetti Plus si inserisce anche un aiuto alle Pmi, in parte finanziato per 200mila euro. VIABILITÀ E VIVIBILITÀ DEL CENTRO DURANTE I LAVORI Dunque, fino a settembre 2015, Rieti centro avrà a che fare con i cantieri. E prima ancora di spiegare, insieme alle foto, gli interventi, occorre capire come il centro se la caverà per tutta la durata delle operazioni di riqualificazione senza rimanere escluso dalla vita cittadina e perdere il suo compito di punto di aggregazione sociale. “Durante le gare d’appalto – spiega Peron – abbiamo pensato oltre che al ribasso anche al fatto che la ditta garantisse un cantiere funzionale, che limitasse i disagi. L’accessibilità agli esercizi commerciali sarà sempre garantita, sarà nostro compito”. I cantieri, di fatto, saranno “intelligenti”: si opererà a tappe, limitando il fastidio a operatori economici e cittadini. Durante i lavori via Cintia sarà a senso unico alternato (solo per i mezzi al lavoro), regolata da un semaforo all’Inps. I residenti che perderanno i posti auto nelle zone interessate avranno la possibilità di parcheggiare in via dei Tigli o a piazza Cavour riconvertendo i permessi gratuitamente. “Con i Plus perderemo 80 posti auto – spiega Ubertini – ma ne guadagneremo 94. Senza contare tutti i posti fruibili, circa ottocento, nella Ztpp. Inoltre stiamo lavorando ad una convenzione con la Saba per il ricovero notturno delle auto”. Ubertini opera anche per la cancellazione dello scalo bus a piazza Cavour “per ottenere altri parcheggi di prossimità”. “Tutto è perfettibile” ha concluso Ubertini, annunciando che durante i cantieri non sono esclusi altri provvedimenti per limitare i disagi ai cittadini ed ai commercianti, rappresentati ieri da qualche intervenuto e dal presidente Ascom Tosti. I LAVORI Dalle foto l’impatto è certamente ad effetto: i luoghi interessati dai lavori cambierebbero decisamente volto. “I Plus sono una sintesi di un progetto più vasto – ha spiegato l’architetto Fabio Pitoni – non sono interventi manutentivi, ma di restauro”. Da ovunque si cominci c’è da parlare di una novità (le foto stanno già dividendo i reatini). I lavori inizieranno dall’arco del Vescovado, su via Cintia: la centrale via, verrà pavimentata nuovamente con delle “mattonelle” (30×60 in media) sul grigio chiaro con sfumature ocra (così era un tempo). Al centro della via un canalino di scolo e niente marciapiedi. I sampietrini (installati intorno agli anni ’40) che verranno tolti da vie e piazze interessate dai Plus saranno recuperati: il Comune li riutilizzerà per decorazioni, riparazioni e manutenzione in altre zone. Nuova pavimentazione anche in largo Vittori, dove si interverrà intorno a San Francesco per valorizzarlo, e si appianerà il dislivello tra le scale della cattedrale ed il resto dello slargo (“Una platea naturale” ha precisato Pitoni lasciando intendere l’utilizzo per eventi). Arrivando in piazza ci si accorgerà della nuova illuminazione: via i fili che reggono lampade quasi tetre e spazio a punti luce frequenti, accompagnati da panchine su entrambe le piazze, pavimentate con le “mattonelle” di calcare grigio. In piazza Cesare Battisti, a ridosso dell’ingresso del Quattro Stagioni, un’area verde a “ricordo” di un vecchio edificio che giaceva proprio in quel punto e degli orti comunali davanti alla Cattedrale. Piazza Cesare Battisti non sarà più un parcheggio ma uno spazio all’apparenza più grande, anticamera dell’ascensore (si potranno caricare anche le bici), preferito alla scala mobile per varie motivazioni, tra cui la mobilità per i disabili. Da piazza Cesare Battisti, dunque, se non si affronteranno le scale (saranno riqualificate) si potrà scendere con un comodo ascensore verso piazza San Pietro Martire che sarà il punto d’accesso al Polo Culturale, alla biblioteca e ai nuovi spazi, come ad esempio la Sala Polifunzionale realizzata proprio nei pressi dell’ascensore, utile per mostre e piccoli eventi. All’interno di Santa Lucia, si opererà nella corte dove sarà installato del verde ed un’illuminazione particolare. DURATA DEI LAVORI PER ZONA Come ha ricordato Peron “i lavori andranno rendicontati entro il 30 settembre 2015. Per l’ascensore di via San Pietro Martire i lavori hanno un limite di 240 giorni, per le piazze 350 giorni, per Largo Vittori e via Cintia 250 giorni ed il Polo culturale di Santa Lucia 90 giorni”. SINDACO E VICESINDACO “I Plus sono un’occasione di sviluppo per il tessuto economico cittadino – ha detto il sindaco – è un’iniziativa che cambierà il modo di vivere il centro. Collgheremo le tre piazze al polo culturale e si azzererà il dislivello tra le varie parti della città. I lavori sono un’occasione di sviluppo per Rieti da utilizzare al meglio. Grazie ai tecnici che hanno lavorato a questo progetto, a Pitoni, Roversi e Rosati, all’ingegner Peron e a tutto il personale del Comune che ha lavorato intensamente. Si apre una stagione nuova per la città e per il centro che diverrà più attraente e turisticamente appetibile”. “I lavori non sono stati ritardati ma abbiamo avuto cura che avessero tutte le autorizzazioni – ha detto il vicesindaco Pariboni – è stato un lavoro enorme, tutto con risorse interne al Comune. Tra le ditte esecutrici c’è anche una reatina (la Antonicoli, ndr) e le altre che si sono candidate si sono piazzate ad un buon livello, sintomo che l’impresa reatina funziona”. LEGGI – LA RELAZIONE DEL COMUNE E TUTTI I DETTAGLI (servizio di Christian Diociaiuti) Foto: Emiliano GRILLOTTI ©

Print Friendly, PDF & Email