Giampaoli_NPC_Rieti_3886_life

LA NPC RIETI NON SOTTOVALUTA LA CENERENTOLA PALESTRINA. PALLA A DUE ALLE 18 DI DOMANI

Forte di cinque vittorie, quattro consecutive, in seconda posizione solitaria a 10 punti in classifica, secondo miglior attacco e prima difesa del girone, la Npc Rieti si recherà domani a Palestrina per disputare la gara valevole la settima giornata di campionato. La formazione ospitante è ferma ancora a 0 punti in classifica, ma questo stato non rende giustizia ad una squadra combattiva e completa che fin qui ha perso giocando tutte le partite, ma senza mai raccogliere svantaggi eclatanti. Palestrina ha un roster giovane, e a parte un ‘88 ed un ’89, tutti gli altri atleti sono nati dopo il 1990. Il campo è storicamente caldo, animato da tifosi appassionati. Il risultato della sfida dunque non è affatto scontato. “Palestrina è una squadra coriacea – spiega Luciano Nunzi – e completa in ogni ruolo. Non ha particolari punti deboli, in alcuni frangenti pecca un po’ di inesperienza, essendo il gruppo giovane. Le partite che ha giocato fin qui sono state combattute, alcune le ha condotte per buona parte. La classifica per ora non gli rende merito”. La Npc si recherà a Palestrina ancora priva dei due giocatori infortunati ma buone notizie giungono dall’infermeria: Mascagni, dopo aver tolto tutti i tutori, è tornato a camminare senza stampelle e da martedì ricomincerà a correre. Scodavolpe ha finalmente risolto l’infortunio e deve ora recuperare tono e forma fisica: “Dario è tornato in campo giovedì – racconta ancora Nunzi – e da quest’altra settimana speriamo di averlo con continuità. Se la sua crescita fisica sarà costante, potremo nuovamente averlo a disposizione per la gara esterna a Giulianova”. La Npc schiererà a Palestrina ancora capitan Granato, che in questo mese ha saputo mettersi a disposizione della squadra con grande prontezza e generosità. Palla a due alle ore 18 sul parquet del Palaiaia, aggiornamenti in tempo reale sulla pagina facebook di Npc Rieti e su RietiLife. Foto (archivio): RietiLife ©

Print Friendly, PDF & Email