foto6662

LAVORO, PROROGATA FINO AL 31 DICEMBRE LA CASSA INTEGRAZIONE IN DEROGA

Boccata d’ossigeno per molti lavoratori reatini (tra cui quelli della Ritel). Nel primo pomeriggio di oggi, dopo un confronto serrato con le organizzazioni sindacali dei lavoratori e la Regione Lazio, è stato sottoscritto in Regione l’accordo per la proroga della cassa integrazione in deroga fino al 31 dicembre. Lo rende noto la Cna. La novità riguarda una dicitura obbligatoria che deve essere inserita a pena di nullità nell’accordo: “La validità del presente accordo è subordinata all’effettiva concessione del finanziamento da parte del Ministero del Lavoro e delle politiche sociali e dei decreti di erogazione delle risorse previste, e destinate alla Regione Lazio per l’anno in corso, nonché nel successivo atto di autorizzazione amministrativa da parte della Direzione Lavoro della Regione Lazio. Qualora la Regione non sarà in grado di garantire il rifinanziamento della cig in deroga per i mesi di novembre e dicembre 2013, per mancata erogazione o per esaurimento delle risorse nazionali messe a disposizione, le parti si impegnano fin d’ora di concordare tutte le soluzioni utili (a titolo esemplificativo e non esaustivo: permessi non retribuiti, aspettativa non retribuita, ferie, flessibilità di orario, e altri istituti contrattuali) ad evitare o attenuare la dichiarazione di esubero di personale derivante dal mancato finanziamento della cig in deroga

UN NUOVO ACCORDO È possibile, quindi, prevedere una estensione del periodo di CIG in deroga fino al 31 dicembre 2013, sulla base di un nuovo accordo da sottoscrivere tra le parti in sede sindacale.
1. L’accordo dovrà contenere alcuni dati essenziali (causale, periodo interessato, lavoratori coinvolti) sulla base di un modello predisposto dalla Regione e disponibile on line e comprensivo del periodo totale di utilizzo degli ammortizzatori (ordinari e in deroga);
2. L’accordo deve precisare che le ore di cig nel periodo 1 nov.-31 dic. devono essere calcolate riproporzionando su base mensile quelle previste nell’accordo precedente;
3. Entro i 10 giorni successivi, l’azienda presenta istanza on line alla Regione Lazio allegando relativo verbale di accordo;
4. La Regione Lazio, successivamente, verificata la relativa copertura finanziaria, adotta il provvedimento di autorizzazione.
La durata della cig per le prime istanze già presentate in Regione o che saranno presentate nel corso dei prossimi mesi e per le quali non si è ancora perfezionato l’esame congiunto, non potrà andare oltre la data del 31 dicembre.
LE REAZIONI SINDACALI ?FIM CISL “In data odierna, abbiamo siglato l’intesa per la copertura degli ammortizzatori in deroga per il periodo 1° novembre 2013-31 dicembre 2013”, fa sapere Giuseppe Ricci, segretario provinciale della Fim Cisl. “È nota a tutti la difficoltà che ha incontrato questa vertenza, per il fatto che alla scadenza odierna, il Governo non ha ancora provveduto a finanziare il residuo 2013, e la Regione Lazio ha ufficialmente dichiarato la mancanza di qualsiasi margine per un proprio finanziamento. L’accordo sostanzialmente evita che le imprese, per effetto del blocco dei pagamenti licenzino in massa i lavoratori interessati. Lascia aperto il diritto alla possibilità di fare accordi di cassa in deroga e le relative domande alla Regione, vincolando le imprese con specifica dichiarazione ad individuare da subito, in sede di accordo, ed a fronte dell’eventuale mancato rifinanziamento, le misure contrattuali per coprire il periodo di novembre-dicembre 2013, (ferie, permessi, flessibilità, aspettative non retribuite, ecc.), mantenendo così il lavoratore negli organici aziendali, ed avere la possibilità della continuazione a partire da gennaio 2014”. FIOM CGIL “Questa mattina abbiamo partecipato con una delegazione di lavoratrici e lavoratori Ritel e Arcobaleno, al presidio sotto la Regione Lazio per sostenere l’accordo per la proroga della cassa integrazione in deroga – racconta il segretario della Fiom Cgil Rieti, Luigi D’Antonio – Vista la particolare situazione occupazionale nella nostra Regione, quindi anche nel nostro territorio, si è arrivati alla stipula di accordo tra parti sociali e la Regione Lazio per una proroga fino alla fine del 2013. L’impegno delle parti è stato quello di mettere in campo ed utilizzare tutti gli strumenti necessari per evitare migliaia di licenziamenti. Alla luce dell’accordo sottoscritto, riteniamo urgente la riapertura del confronto con la curatela della Ritel per attivare da subito la proroga della cassa integrazione in deroga e di conseguenza il ritiro dei licenziamenti essendo venuta meno la causa del licenziamento che, secondo la curatela, era la mancanza di un accordo con la Regione Lazio. Per le motivazioni sopra esposte riteniamo che sia necessario un incontro il prima possibile per definire l’accordo”. Nella foto, la manifestazione di stamattina di fronte alla sede della Regione Lazio Foto: Paolucci ©

Print Friendly, PDF & Email