bacugno

RASSEGNA DEL BEL CANTO A BRACCIO A BACUGNO

A  Bacugno la tradizionale rassegna del bel canto a braccio. Il prossimo venerdì 3 agosto alle ore 21.00, sul sagrato della chiesa di S. Maria della Neve, a Bacugno grande rassegna poetica a braccio tra artisti dell’Abruzzo, della Toscana, del Lazio. La particolare manifestazione canora estemporanea,  giunta alla sua 25ma edizione, richiama da sempre una vasta partecipazione di pubblico proveniente anche dalle regioni limitrofe, Abruzzo e  Umbria, oltre che di appassionati di questa arte esistente già dagli albori del 800. Saranno presenti gli antichi strumenti musicali del mondo contadino: le ciaramelle e l’organetto  che accompagneranno le tradizionali quartine e le terzine, la chitarra per gli stornelli. La splendida  organizzazione  curata da Donato de Acutis –  giovane poeta a braccio,   instancabile sostenitore di quest’antica tradizione culturale, prevede la partecipazione, quale decano dell’ottava rima, di Mario Vittucci noto ed apprezzato poeta a braccio della zona giunto alla tenera età di 86 anni che  improvviserà  un’ottava di saluto alla festa. Sarà una bella serata all’ insegna della poesia colta quel genere che arriva dritta al cuore della gente coinvolgendola in un turbinio d’emozioni nel suggestivo scenario del ridente paesino dell’Alta Valle del Velino.  Presenterà l’esibizione poetica  Giampiero Giamocante di S. Croce anch’egli giovane  poeta estemporaneo,  risorsa di questa  terra e di questo genere poetico. Il canto a braccio rappresenta, nel vasto panorama culturale italiano, un’antica arte di grande interesse storico, letterario, antropologico che trae le sue origini dal lontano fine settecento allorché gli aedi cantavano, nelle varie festose circostanze, accompagnati dalla cetra. Oggi sebbene fortemente ridimensionata, questa antica e nobile arte, è ben presente in varie aree dell’Italia centrale   dove continua a vivere, ed in alcuni casi si rafforza,come nell’Alta Valle del Velino dove uno  gruppo di giovani cantori cerca di mantenerne alta l’attenzione, nonostante i tanti aspetti talvolta difficili e problematici. Riportiamo questa bella ottava d’invito all’esibizione poetica, un concentrato di poesia ed emozioni.
Come la primavera col suo manto
mostra la più bizzarra fantasia
e non disdegna sotto un lieto ammanto
di offrirti contrappunti d’armonia
così Bacugno con rituale canto
non ti nega il tre agosto la poesia
partecipate in massa e con passione
ci siamo tutti, sarà un’emozione!

Foto: GIAMMARINI © 30 Luglio 2012

Print Friendly, PDF & Email