Polizia_6520_life

FURTI IN APPARTAMENTO QUATTRO CITTADINI RUMENI DENUNCIATI DALLA POLIZIA

Pubblichiamo il comunicato stampa della Questura di Rieti.

Personale della Squadra Mobile ha denunciato in stato di libertà quattro cittadini rumeni, abitanti a Rieti: P.P.C., del 1991, V.I., del 1989, T.V.M. del 1991 e V.N., del 1980, per aver commesso dei furti in alcuni appartamenti.  Le indagini esperite dagli investigatori della III Sezione della Squadra Mobile della Questura di Rieti, infatti, partite da una importante attività informativa attraverso fonti confidenziali, hanno permesso di individuare in un’abitazione reatina, la presenza di un gruppo criminale di rumeni, dedito ai furti in appartamento. Dopo una serie di appostamenti e pedinamenti, gli uomini della Squadra Mobile hanno fatto irruzione nell’abitazione “attenzionata”, sorprendendo i cittadini rumeni ancora con parte della refurtiva. Nel corso della perquisizione domiciliare, infatti, gli Agenti hanno rinvenuto numerose bottiglie di vino da collezione, attrezzi agricoli, una bicicletta ed altro materiale che è risultato compendio di furto e che è stato restituito ai legittimi proprietari. I rumeni, di fronte all’evidenza non hanno potuto negare le proprie responsabilità ed hanno ammesso di aver effettuato i furti alcuni giorni prima e di aver spedito in Romania gli altri oggetti rubati negli appartamenti.  P.P.C., già condannato in passato per analoghi reati e quindi sottoposto all’obbligo di firma ed i suoi tre complici ladri, sono stati, pertanto, denunciati in stato di libertà alla locale A.G. davanti alla quale dovranno rispondere del reato, in concorso, di furto aggravato. “Ancora una volta” – ha dichiarato il Questore di Rieti Carlo Casini – “le ottime qualità professionali degli investigatori della Squadra Mobile, hanno permesso di raggiungere un ottimo risultato nella lotta contro i furti in appartamento, uno dei reati che più affliggono la nostra società ed i cui responsabili risultano particolarmente difficili da smascherare”. Foto (archivio): Gianluca VANNICELLI/Agenzia PRIMO PIANO © 9 Giugno 2012

Print Friendly, PDF & Email