ARISLIFE

RISSA TRA TIFOSI DISORDINI PRIMA DI LAZIO SALONICCO

Pubblichiamo nota della Questura di Ascoli Piceno.

Fermati 68 sostenitori della squadra di calcio dell’Aris Salonicco (gre), resisi responsabili di disordini in questa piazza Immacolata, che alle ore 18:00 del 7 agosto, nr. 67 tifosi della squadra di calcio dell’Aris di Salonicco, a bordo di pullman guidato da autista greco, proveniente dal porto di Ancona, dove era sbarcato alle ore 11:00 odierne, giunto dalla Grecia, in transito per Rieti al fine di assistere all’incontro amichevole di calcio tra Aris e Lazio, previsto per le ore 21:00, si rendevano responsabili di disordini in questo capoluogo.  Personale di questa Squadra Mobile e di altri uffici della Questura, ausiliati da personale dei Carabinieri e del Corpo Forestale dello Stato, interveniva prontamente, provenendo dal servizio di ordine pubblico della “Giostra della Quintana”, in svolgimento’ al momento dei fatti.   I tifosi greci venivano immediatamente fatti salire sul pullman e portati in questura, dove venivano sottoposti ad identificazione e perquisizione personale, oltre che del veicolo.   All’esito di tale attività venivano sequestrati nn 3 coltelli, nr. 7 fumogeni e nr. 6 razzi, nr, 110 bottiglie di alcolici (tra vodka, birra) whisky e rum).   L’attività di polizia giudiziaria posta in essere nell’immediatezza da questo ufficio permetteva di denunciare in stato di libertà il cittadino greco A.G., di anni 31, per possesso di armi o oggetti atti ad offendere, di sequestrare un coltello a carico di ignoti, di marca greca, rinvenuto sul luogo dei tafferugli; veniva, inoltre, ferito un cittadino ascolano, di anni 39, di passaggio in via Marconi, il quale sarebbe stato attinto da un corpo contundente, presumibilmente una bottiglia lanciata da ignoti, facenti parte del gruppo greco, che lo feriva alla testa in modo non grave, con prognosi di gg. 7.: non si riusciva, però, ad addivenire all’identificazione dell’autore del ferimento del ragazzo suddetto, il quale, peraltro, non era in grado di riconoscere tra gli stranieri l’aggressore.   Gli incidenti provocati dai tifosi si sono, comunque, limitati alla rottura di qualche sedia di plastica e di portaceneri appartenenti all’esercizio commerciale denominato Yogurteria “Chico Blu”, ad un tuffo di alcuni di loro all’interno della fontana presente nella suddetta piazza.    A fine attività, il pullman con a bordo i tifosi, veniva scortato da personale della locale questura sino a Senigallia (AN) da dove bus proseguiva in direzione Bologna per il previsto pernotto in un hotel di quella città. Nella foto i tifosi greci giunti a Rieti. Foto: Emiliano GRILLOTTI © 8 Agosto 2011

Print Friendly, PDF & Email