foto progetto2_Life

GRAFFITI ART SCHOOL A FARA SABINA

Pubblichiamo comunicato stampa della Graffiti Art School.

La Graffiti Art School protagonista del progetto regionale EDUCARE, ospite della Direzione Didattica di Fara in Sabina, scuola pilota nella provincia reatina. Tre giorni di Campus per  educare alla legalità. I giovani scelgono i graffiti come mezzo immediato per esprimersi. La Graffiti art school ha accolto l’invito della Direzione didattica di Fara Sabina, scuola pilota della provincia reatina, per il progetto EDUCARE promosso dall’Associazione SER.A.R. ( associazione per la realizzazione dei Servizi Associati dei comuni della provincia di Rieti ). Al termine di un percorso di formazione, le docenti della Direzione Didattica di Fara in Sabina hanno previsto un’esperienza di Campus durato tre giorni che ha coinvolto 83 studenti delle classi quinte, sui temi della sicurezza e della legalità, con particolare riferimento a tre tematiche specifiche:
gli stupefacenti (docenti/metodologhe Giuseppina Orsolillo e Michela Proietti);
le forze dell’ordine (docenti/metodologhe Maria Marini e Patrizia Mariantoni);
il bullismo (docenti/metodologhe Debora Clementi e Roberta Cuneo).
Molteplici gli strumenti su cui le docenti hanno orientato lo sviluppo e le progettazione di queste tematiche: dalle brochure, alle locandine, ai graffiti che sono stati realizzati all’interno della scuola per rendere il messaggio costantemente fruibile agli alunni anche alla ripresa dell’anno scolastico.  Abbiamo partecipato con molto entusiasmo al progetto didattico di Fara Sabina che soddisfa pienamente lo spirito e la missione della scuola, finalizzata alla divulgazione di valori quali la legalità- – ha dichiarato il Direttore artistico della Graffiti Art School, Santina Eleuteri –  Siamo lieti di aver lasciato un segno anche con il graffito sul pulmino scolastico, che esprime un forte messaggio ai giovanissimi, i veri protagonisti del progetto, che al termine dei lavori hanno gridato al mondo che  “La vita è stupefacente!” “Noi non lo faremo…perché la vera droga è la vita!”. Gli alunni dunque non sono stati semplicemente fruitori di alcuni messaggi, ma sono stati veri e propri protagonisti nella realizzazione di un progetto, nello spirito di accogliere e valorizzare le potenzialità di ognuno. Hanno avuto la possibilità di conoscere e intervistare esperti e professionisti: il sindaco Davide Basilicata, il Dirigente Scolastico Giovanni Lorenzini, il Comandante della Polizia Municipale e il Metodologo Prof. Di Gregorio Renato, a seguire l’Ispettore Capo del Nucleo Antidroga della Polizia di Stato Cesare Rosati, l’ispettore dell’ufficio minori, l’ispettore del Corpo Forestale dello Stato, un magistrato e un avvocato. La Graffiti Art School a pochi mesi dalla sua apertura si conferma sempre di più parte attiva della comunità e del territorio, luogo di incontro, formazione e crescita. Foto: Graffiti Art School © 19 Luglio 2011

Print Friendly, PDF & Email