Coronavirus, la poesia in dialetto: “Aemo pigliatu propriu na badosta…”

Riceviamo e pubblichiamo la poesia di una lettrice su Rieti e il coronavirus.

CORONA VIRUS
Riete mea gagliarda e tosta,
aemo pigliatu propriu na badosta, dda quanno cche sso nnata n’vita mea no mme rrecordo nnu fattu ccoci grave.
Nnu virus è ariatu, ccoci diciu, tantu pericolusu, cche sse trasmette ccoci cco nu starnutu e subitu diventi contaggiusu.

Anche sse tte senti nu leone, dentro dde tine cc’è propriu nu scorpione….

Sse ssi fortunatu cche stane n’salute, sse passa come fosse ‘na brutta polmonite ma sse disgraziatamente cce tene le patologie, rischi dde finine n’rianimazione e sse tte ice propriu male cce ppone scappane pure lu funerale.

Sse no n’te bardi cco guanti e mascherina, dde ttutta la gente cche ncuntri nne fa ‘ na cima.

Corona virus, istu ène lu nome cche gli au atu e non sse sane nemmeno ccom’è ariatu.
Sicuri dda la Cina, ccoci diciu, ma ggia gran parte dell’Italia ha contaggiatu.

Illi cche commannanu n’parlamentu, dopu cche au capitu cche staeamo qquaci a lu collassu, au fattu nnnu decretu cco ssu scrittu (e purtroppo non sse sane ppe quantu tempu) ddoemo remanine tutti entro.
Ccocine sse bbone scappane dda casa tea, nnu fogliu addane portane ddo cce sta scrittu :”dda ddo bbene, sse ddo bbane e qque strae adda fane” . Nnon ttutti però cce la fau a remanine entro e cco la scusa dde fane la spesa o dde portane lu cane a spassu, passeggianu ppe strae e no n’fermanu lu contaggiu.

La televisione, facebook e ttutti l’andri social, sse sfiatanu ppe dicce:”remani a casa”. Compresi li dotturi e l’infermieri cche addau laorane senza sosta, cce iciu sse dde sta a casa cche cce costa.

Cce ho lu tempu sse cce sane, mma nnu borremmo ggia sta fore a cazzeggiane. Cche fosse ggia ttuttu passatu, ccome sse ist’annu no n’fosse mai n’cuminciatu.

Sse penso all’economia, penso a nnu disastru, ggia no n’staeamo bbe e mmo cco stu corona virus iemo a peggio.

Ppero’, lla ccosa cche ppiù mme consola è cche nnui Italiani semo nna ccosa sola, semo fratelli ttutti compatti ppe aiutacce ccome matti.
Nnui ssemo Italiani e sse cce sane, sempre uniti nei momenti di difficoltane.

Ttuttu lu munnu cce guarda e qque unu ppure cce recopia. Ssemo l’emblema della bella Italia.

E quanno ttuttu istu, sarane finitu, cce abbracceremo e bbaceremo ttutti con affettu, pensanno a lu tempu bruttu cche è passatu e torneremo ttutti all’operatu ppe rrencuminciane ttuttu dd’accapu…..

Fiorella Angeletti

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.