Carcere_Nuovo_Complesso_0652

Cisl: “Nel carcere di Rieti 77 detenuti in più rispetto alla norma”

“Non si placa il sovraffollamento che risulta essere di 1.319 detenuti considerato che n. 6.566 risultano essere i detenuti reclusi nei 14 Istituti del Lazio, dato pubblicato sul sito del Ministero di Grazia e Giustizia del 31 dicembre 2019, rispetto ad una capienza regolamentare di detenuti prevista di 5.247. Preoccupante è anche il fatto che nelle carceri risultano 1.209 detenuti in attesa di primo giudizio (tra cui 474 detenuti stranieri). Preoccupa il sovraffollamento negli istituti di Viterbo (+152); CC Frosinone (+70); NC Civitavecchia (+181); CCF Rebibbia (+130); NC Rebibbia (+484); CC Regina Coeli (+391); Velletri (+142), CC Latina (+ 65) NC Rieti (+77). Particolarmente critica la situazione a Rebibbia Nuovo complesso, Rebibbia femminile, Regina Coeli, Civitavecchia e Latina”: lo scrive la Cisl, col segretario Generale Aggiunto CISL FNS.

“Purtroppo il quadro delle carceri del Lazio attualmente non risulta roseo considerato che le carenze degli organici della polizia penitenziaria non vengono ricoperte. La chiusura degli Opg hanno causato ulteriori problemi nella gestione delle carceri poiché dovevamo essere realizzate vere e funzionali strutture alternative. Senza considerare poi che in molte carceri – alcune dell’epoca borbonica – sono inadeguate. È noto il deficit qualitativo dell’attività lavorativa nell’ambito degli Istituti Penitenziari, dove il lavoratore si trova ad essere, in molti casi, attore di disagi operativi. Questi sono causati dal sovraffollamento, dall’inadeguatezza edilizia delle strutture penitenziarie e dalla crescente carenza di risorse umane. Ultima nota, in ordine di tempi, inviata proprio ieri e riferita alla casa reclusione di Paliano” dice Costantino.

“Antichi problemi irrisolti perché non si sviluppa un progetto organico e complessivo di risoluzione delle questioni, si preferisce utilizzare soluzioni tampone che dopo un po’ riportano il problema all’origine – conclude Costantino – Chiediamo da tempo al Ministero della Giustizia ed al Dap soluzioni concrete e soprattutto una visione prospettica, ma le risposte continuano a non arrivare”.

Foto: RietiLife ©

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.