AGGIORNAMENTI-cotral_38

Fermate Cotral sulla Salaria, il Prefetto propone protocollo d’intesa

Il Prefetto Giuseppina Reggiani ha presieduto ieri meriggio un tavolo di mediazione, cui hanno partecipato il Presidente del Cotral SpA, Amalia Colaceci, il Direttore dell’Area Trasporto su Gomma della Direzione Infrastrutture e Mobilità della Regione Lazio, Bernardo Maria Fabrizio e Luigi Carbone, in rappresentanza dell’Anas, ente proprietario della strada, per l’esame congiunto della situazione di alcune delle fermate Cotral sulla Salaria.

“Nel corso dell’incontro – si legge in una nota della prefettura – sono state analizzate le criticità conseguenti alla soppressione di alcune fermate, nonché valutata la situazione di quelle per le quali si è rilevata la necessità di adottare un piano di miglioramento e adeguamento. Il Prefetto, dopo aver ascoltato le diverse posizioni delle parti, ha sottolineato la necessità di arrivare ad una soluzione condivisa, volta a contemperare le esigenze di tutela della sicurezza, con quelle di mobilità dell’utenza, tenuto conto delle carenze infrastrutturali del territorio reatino”.

“In tal senso, il tavolo, nel prendere atto che la soppressione di alcune fermate è scaturita dalla puntuale verifica della mancanza di condizioni di sicurezza unita ad uno scarso numero di utenti, ha accolto la proposta del rappresentante del Governo di arrivare, in tempi brevi, alla sottoscrizione, in via sperimentale, di un protocollo d’intesa per il miglioramento di alcune fermate, corredato dall’analisi dei costi e dal cronoprogramma degli interventi necessari – si legge ancora –
Il Prefetto, al termine dell’incontro, nel ringraziare i partecipanti per la sensibilità e la fattiva collaborazione dimostrate, si è riservata di monitorare i conseguenti sviluppi, con l’attenzione che la delicata vicenda riveste per il territorio”.

Foto: RietiLife ©

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.