Esercitazione_Vigili_Croce_Rossa_VNG_9953_life

Stipendi e contributi, Vigili del Fuoco in piazza a Roma

Anche i Vigili del Fuoco reatini aderiranno allo sciopero nazionale del Corpo – indetto dai sindacati di categoria Fp Cgil, Fns Cisl, Uilpa Vigili del Fuoco – in programma a Roma, il giorno 15, in piazza Montecitorio; l’iniziativa sarà accompagnata da presidi presso tutte le Prefetture del Paese. I Vigili del Fuoco chiedono al Governo la valorizzazione del proprio lavoro dal punto di vista retributivo e previdenziale, maggiore tutela per gli infortuni e le malattie professionali, un riconoscimento reale delle specificità e dell’alta professionalità, il potenziamento degli organici. Questioni che al momento non hanno trovato il giusto riscontro nella legge di bilancio in discussione in Parlamento.

“La giornata di mobilitazione e sciopero – dice Massimo Vespìa, segretario regionale Fns Cisl Lazio – è stata organizzata perché continuiamo a constatare il mancato riconoscimento della specificità professionale dei lavoratori del comparto, che non sono da meno rispetto a quelli di altri settori legati a sicurezza e soccorso pubblico: le belle parole di elogio e stima tardano a tradursi in fatti concreti. Inoltre, le somme finora stanziate sono insufficienti a garantite un percorso di valorizzazione stipendiale delle specializzazioni del Corpo. Si sono poi manifestate difficoltà nell’applicazione delle disposizioni relative agli inquadramenti e alle progressioni di carriera del personale e una nuova legge delega a tale riguardo non è stata ancora prevista dal Governo nonostante le sollecitazioni sindacali. Come per tutti i dipendenti pubblici servono ulteriori investimenti. Ad aggravare la situazione la mancanza di un sistema previdenziale complementare che consenta ai Vigili del Fuoco, neoassunti in particolare, di vedersi garantire una pensione adeguata alle aspettative di vita future”.

Foto: VANNICELLI ©

Print Friendly, PDF & Email