medico_

“Viaggi per lavoro o vacanza in paesi esotici? Vaccinati!”: appello Asl

Sono sempre più numerosi i cittadini della nostra provincia che si recano in paesi esotici e tropicali, per lavoro o per trascorrere le vacanze estive. Chi si reca in questi luoghi, deve sempre informarsi presso le strutture mediche deputate sui pericoli per la salute legati al paese di destinazione, adottando le precauzioni comportamentali consigliate e le indicazioni di vaccino e chemioprofilassi più opportune.

La Asl di Rieti, attraverso l’ambulatorio di Medicina del Turismo/Vaccinazioni Internazionali della Divisione Malattie Infettive dell’Ospedale de’ Lellis, è da sempre impegnata nella tutela della salute dei viaggiatori e nella informazione dei rischi in cui gli stessi potrebbero imbattersi. Nel corso del 2018 sono state praticate nell’ Ambulatorio di Medicina del Turismo oltre 200 vaccinazioni, di cui la maggioranza contro Febbre gialla, Epatite A, Tifo. La gestione degli appuntamenti avviene direttamente ad opera del personale dell’ambulatorio: ciò permette di garantire una priorità di accesso all’ambulatorio stesso in base a quanto rilevato telefonicamente o acquisito “in vivo” dall’utente (data di partenza, destinazione, tipologia e durata del viaggio, eventuale necessità di somministrare i vaccini in più sedute).

Per viaggiare in tranquillità nei paesi tropicali o comunque esotici – precisa il dottor Fabio Gemelli, referente dell’Ambulatorio di Medicina del Turismo/Vaccinazioni Internazionali della Divisione di Malattie Infettive dell’Ospedale de’ Lellis – “è necessario predisporre per tempo, in funzione del paese di soggiorno, le opportune misure di vaccino e chemioprofilassi, senza comunque abbassare la guardia, una volta giunti a destinazione, verso le corrette norme comportamentali, igieniche e di buon senso. Presso l’Ambulatorio è possibile eseguire tutte le vaccinazioni raccomandate in funzione della situazione epidemiologica dell’area da visitare (che viene valutata in tempo reale), comprese quelle “internazionali” come l’anti febbre gialla e l’anti-encefalite giapponese.”

“Inoltre – continua Gemelli – offriamo un servizio di consulenza antimalarica con prescrizione della chemioprofilassi più indicata ed informazioni “individualizzate” in base alla meta, all’itinerario, allo scopo, alla durata ed alla tipologia del viaggio con consegna all’utente di materiale informativo – divulgativo in materia”.

Personale medico specializzato, infettivologi e tropicalisti, provvede preliminarmente ad una valutazione delle condizioni di salute prima della partenza, soprattutto in presenza di patologie (diabete, malattie cardiovascolari) o condizioni (gravidanza, età avanzata) che potrebbero controindicare o limitare un determinato viaggio. Il viaggiatore, infine, viene invitato a ripresentarsi in ambulatorio qualora, al rientro in Italia, presenti segni o sintomi suggestivi di patologie d’importazione (febbre, diarrea, prurito).

Foto: RietiLife ©

Print Friendly, PDF & Email