rieti_foligno2_curci3

Cessione Rieti, colpo di scena: ora gli ex Como guardano al Carpi. E a 12 giorni dall’iscrizione, Curci…

(di Christian Diociaiuti) Fermi tutti, c’è il Carpi. Quando qui a Rieti tutto sembrava fatto (leggi) e Curci, quasi tranquillo ha lasciato la città per qualche giorno, sulla cessione del Football Club alla cordata che include Roberto Felleca, Massimo Nicastro, Ninni Corda, Roberto Pruzzo, si staglia l’ombra di una virata, almeno d’interesse, di quest’ultima cordata verso Carpi.

CARPI IN VENDITA – I biancorossi, retrocessi dalla B, sono infatti in vendita. E a dare notizia di un interessamento da parte degli ex Como ai modenesi, ci pensa la “Gazzetta di Modena”: la testata emiliana riferisce che Stefano Bonacini, patron del Carpi, a Firenze per il “Pitti Uomo”, ha intrattenuto colloqui con i due ex proprietari del Como, Massimo Nicastro e Roberto Felleca. Un pre-incontro in cui si potrebbe scendere nei dettagli nelle prossime ore. Gazzetta di Modena riferisce, ovviamente, anche della vicinanza della cordata “comasca” al Rieti; ed effettivamente in città la cosa veniva percepita come quasi fatta. Ma è chiaro che Carpi, per chi come gli ex Como sta cercando una piazza da comprare e in cui fare calcio, è di certo una concorrenza spietata per gli amarantocelesti.

CHE COLPO – Un bel macigno contro il petto, per il Rieti, a 12 giorni dalla consegna, inderogabile, di tutta la documentazione e dei pagamenti, per iscriversi alla prossima C. Per carità, indiscrezioni da prendere con le molle quelle che arrivano da Carpi e Firenze. Ma non essendoci nulla di ufficialmente sancito tra Curci e la cordata ex Como, un po’ di patema – a dispetto dei giorni di vacanza che l’attuale patron s’è concesso – non può non esserci. Anche perché c’è quasi un milione da sborsare per chiudere la pratica vecchia stagione e aprire la nuova pagina dell’annata 2019-2020.

Foto: RietiLife ©

Print Friendly, PDF & Email