Fine_Partita_GVN_1962_life

Ciao e grazie Rieti: la stagione si chiude con l’1-1 al Massimino. Cerni-gol risponde a Lodi

(di Christian Diociaiuti) Grazie Rieti. Finisce la stagione degli amarantocelesti, la prima tra i pro dopo 11 anni e in terza Serie dopo quasi 70. Finisce in un vero e proprio tempio, il Massimino, il Cibali, di Catania. È 1-1 nell’ultima di regular season, prima del rompete le righe e di un’estate che apre a una nuova stagione tra i professionisti. Un risultato che comunque scrive una pagina di storia. Tutto su rigore: avanti con Lodi, il Catania non sembra lo squadrone che è contro un Rieti volitivo, che pareggia in 7 minuti, ancora con un penalty, grazie a Cernigoi.

SALVI – Rieti che ha conquistato la salvezza con due turni d’anticipo, nonostante penalizzazioni e regole cambiate alla fine, due gestioni societarie in dieci mesi e altrettanti tecnici. Capuano ha compiuto una vera e propria impresa che l’ha incoronato beniamino dei tifosi, tra i tecnici più amati della storia ultraottantennale del club. Ora si apre il capitolo del futuro del Rieti: capitolo tecnico-sportivo e societario, per una nuova estate sicuramente vibrante. E già domani è atteso un vertice Capuano-Curci in occasione del pranzo di squadra di fine anno.

VERDETTIRieti salvo, Juve Stabia in B. Catania quarto, per il pari e il successo, pazzesco, del Catanzaro in rimonta. Di questo già sapevamo. Si giocherà il playout di girone (Paganese e Bisceglie, Capuano lo aveva pronosticato) e tra la superstite del girone C e quella dell’A. QUI LA CLASSIFICA E I RISULTATI E LE QUALIFICATE AI PLAYOFF Rieti che chiude a 39 punti e al quindicesimo posto.

4 TIFOSI – Al Massimino il Rieti si è presentato con 4 appassionatissimi tifosi sugli spalti, elogiati sui social. Match iniziato quasi 15’ dopo l’ora stabilita a causa della contemporaneità da rispettare e dei problemi – a una rete – nati a Bisceglie. Un match giocato con tranquillità dal Rieti, già salvo dalla gara di Bisceglie, mentre il Catania, costretto praticamente vincere, guardava al terzo posto da contendersi col Catanzaro, contemporaneamente impegnato col Trapani in una gara piena di gol e capovolgimenti di fronte. Catanzaro che stravince a Trapani e c”condanna” gli etnei.

ASSETTO –  Ezio Capuano si affida anche a Catania al suo 3-5-2: con Marcone tra i pali, difendono il sacco Mattia, Scardala e Delli Carri. Brumat e De Vito sugli esterni mentre in mezzo al centrocampo agiscono Carpani, Garofalo e Marchi. In attacco Cernigoi e Tommasone. Maistro in panchina con Gigli e Zanchi. Walter Novellino risponde con un 4-3-3 che profuma di Serie A e in attacco conta Manneh, Curiale e Sarno; a centrocampo un trio davvero da massima serie, con Biagianti, Lodi e Llama. Calapai, Aya, Esposito e Marchese in difesa davanti a Pisseri.

PRIMO TEMPO – Tutto di rigore: prima una chance per parte, con Llama e con Garofalo, poi i penalty: prima se lo procura Llama per Lodi che realizza l’1-0 quando è passato da poco il 20’, poi, sette giri di lancette dopo, è Cernigoi a segnare, grazie al rigore conquistato da De Vito per un intervento scomposto di De Vito, per l’1-1. Per Cernigoi è la quinta rete in totale, la terza di fila in tre gare. Da segnalare anche un gol annullato a Manneh per fuorigioco prima dell’1-0 di casa.

SECONDO TEMPO – Capuano vuole vincerla e a inizio ripresa mette dentro i titolarissimi. Così, Cernigoi, a ridosso del 15’, colpisce la traversa. Un Catania non spumeggiante già dal primo tempo; un Rieti, invece che si sa difendere e affondare al momento giusto, confermando la gran seconda parte di stagione. La dimostrazione di un Rieti top, arriva anche con la chance di Carpani, sciupata malamente: davanti alla porta spara alto un cross di Brumat da destra. Rieti che sale in cattedra nel corso nella ripresa, rischia poco e crea molto, costringendo Novellino a cambi di modulo. Di Piazza poi, al 75’, sciupa una grande chance di testa. Replica 10’ dopo quando è in offside e poco dopo una punizione di lodi parata da Marcone. Finisce 1-1: Rieti salvo, Catania ai playoff da quarto.

UOMO RIETILIFE – Iacopo Cernigoi, di nuovo, Uomo RietiLife. Segna un rigore a Pisseri al Massimino e chiude così la sua stagione al Rieti, in cui è arrivato in corsa. Colpisce anche una traversa.

Print Friendly, PDF & Email