Home / Archivio / Gli studenti del Magistrale alla scoperta della professione di avvocato: 100 ore di lavoro
Foto_ASL

Gli studenti del Magistrale alla scoperta della professione di avvocato: 100 ore di lavoro

Il progetto di Alternanza Scuola Lavoro “Be the Change” del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Rieti iniziato nel gennaio 2018 con l’Istituto Magistrale Statale Elena Principessa di Napoli è quasi giunto al termine delle 100 ore di lavoro con i ragazzi della IV A, IV F e IV G. Lunedì 5 novembre i ragazzi usciranno dalle aule della loro scuola per conoscere i luoghi della giustizia e le professionalità che lavorano quotidianamente con il diritto.

L’INCONTRO – Le avvocate Alessandra Tilli, referente del COA di Rieti per il progetto, Alessandra Di Loreto, Anna Lisa Ciancarelli ed Alessandra Mostarda, quali membri del team organizzativo, hanno programmato per il 5 novembre un incontro alla Camera di Commercio di Rieti con la Responsabile dell’Organismo di Mediazione nell’ambito del tema delle ADR, quali sistemi di risoluzione alternativa delle controversie.

DIVENTARE AVVOCATO – Nella stessa giornata i ragazzi incontreranno il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Rieti che li introdurrà alla professione forense, alle funzioni svolte dal Consiglio dell’Ordine ed all’importanza della professione legale non solo rispetto alle attività nelle aule giudiziarie ma anche rispetto a quelle svolte quali consulenti per tutte le questioni che richiedono la conoscenza del diritto che è strumento di un vivere civile e consapevole. Il presidente del Consiglio dell’Ordine avv. Luca Conti introdurrà i ragazzi alla fine della mattinata nel Palazzo di Giustizia, dove gli stessi incontreranno il Presidente del Tribunale di Rieti e visiteranno le cancellerie e gli uffici della segreteria del COA. Il focus è sulla scoperta della professione forense ed in particolar modo della funzione sociale dell’avvocato e sulla tutela dei diritti nel e fuori dal processo.

Nella foto, la visita in Corte Costituzionale del 20 marzo con i ragazzi coinvolti nel progetto

Foto: Tilli ©

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*