Home / Archivio / “Eureka! funziona!”, premiato l’Istituto comprensivo di Poggio Moiano
UNINDUSTRIA9

“Eureka! funziona!”, premiato l’Istituto comprensivo di Poggio Moiano

Unindustria partecipa per il sesto anno consecutivo ad “Eureka! Funziona!”, un’importante iniziativa promossa da Federmeccanica a livello nazionale, in accordo con il MIUR e rivolta agli alunni delle terze, quarte e quinte classi delle scuole primarie del Lazio, con l’obiettivo di stimolare nei ragazzi lo spirito imprenditoriale, capacità manuali, attitudine al lavoro di gruppo e alla creatività in ambito tecnico e scientifico.

Alla gara di quest’anno, che si è tenuta presso la sede di Explora – Il Museo dei bambini di Roma, hanno partecipato molte scuole laziali ed il tema prescelto è stato quello della “Meccanica”. Il kit di lavoro, consegnato da Unindustria alle scuole partecipanti alla gara, conteneva componenti necessari per poter progettare e costruire un giocattolo che per muoversi utilizzasse motorini, dischetti, leve, ecc. Il kit, inoltre, includeva una scheda elettronica (KMD) appositamente sviluppata dall’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT), partner del progetto, che consentiva di azionare un motore in base alla quantità di luce presente in un determinato ambiente.

Ventisette sono stati i progetti presentati il giorno della gara dalle scuole del Lazio, valutati da una giuria di imprenditori del territorio presieduta da Fabio Mazzenga Presidente della Sezione Metalmeccanica, Metallurgica e Costruzione Macchinari di Unindustria. Ha partecipato alla manifestazione anche Giuseppe Biazzo, Consigliere di Presidenza di Unindustria con delega allo Sviluppo del Capitale Umano.

I tre gruppi vincitori sono stati: la classe terza dell’Istituto Comprensivo “Ferruccio Ulivi” di Poggio Moiano di Rieti con il gioco “Ferruccio 208910”; la classe quarta dell’Istituto Comprensivo “Salvatore Pincherle” di Roma con il gioco “La giostra dei sogni” e la classe quinta dell’Istituto Comprensivo “Via Carotenuto 30” di Roma con il gioco “Attenti al polipo”.

Foto: (archivio) RietiLife ©

Print Friendly, PDF & Email