Home / Archivio / La Cgil attacca: “La postazione 118 di Amatrice è ancora incompleta”
centodiciotto_118_ambulanza_sede21

La Cgil attacca: “La postazione 118 di Amatrice è ancora incompleta”

“A ormai un anno e mezzo circa dal 24 agosto 2016, la postazione Ares 118 di Amatrice è ancora incompleta”. Lo scrive la Cgil, con una nota del segretario FP ARES 118, Sergio Bussone.

“Pur comprendendo le difficoltà di un territorio martoriato da catastrofi naturali – aggiunge il sindacato – non è accettabile la lentezza con cui si procede a realizzare un posto di lavoro adeguato. Ad Amatrice è stata realizzata una struttura prefabbricata composta di un unico vano e due piccoli spogliatoi, dove svolgere l’attività in h 24, con “standard abitativi” di molto inferiori a quelli adottati da Ares 118 in altre situazioni. Nella postazione è presente oltre il personale della macchina anche il  medico e il coordinatore! Ancora non è stata realizzata alcuna copertura per le ambulanze”.

“A nulla è servita l’esperienza dello scorso inverno che ha creato problematiche di rilievo alle ambulanze parcheggiate all’aperto ricoperte da spesso manto nevoso con sportelli saldati dal gelo, impegnando gli operatori a spazzare via la neve dall’ambulanza e a mantenere il motore acceso. Ad aggravare il disagio degli operatori si aggiunge una fornitura di abbigliamento inadeguato per operare nei luoghi di  montagna e negli ultimi tempi addirittura salta la corrente. Non si può più attendere. La scrivente organizzazione sindacale chiede che si provveda nell’immediato a  risolvere  i problemi esposti ed a integrare i moduli abitativi della postazione di Amatrice, ripristinando in tal modo le giuste e dovute agibilità lavorative. Aggiungiamo, inoltre, l’utilità e l’opportunità che tutte le amministrazioni Ares 118, Asl Rieti, la Regione Lazio ed il Comune di Amatrice siano parte attiva per superare la fase emergenziale e precaria  della postazione di Amatrice, facendosi parte attiva per impegnarsi a trovare nuovi idonei locali per il mezzo di soccorso e per gli operatori ARES 118  all’interno del progetto per il nuovi ospedale”.

Foto: RietiLife ©

Print Friendly, PDF & Email