Home / Archivio / Inseguito dalla Polizia per l’auto rubata, fugge e poi si getta nel fiume per scappare: arrestato
festa_polizia1676_

Inseguito dalla Polizia per l’auto rubata, fugge e poi si getta nel fiume per scappare: arrestato

(da comunicato della Polizia) Personale della Squadra Volante dell’U.P.G. e S.P. della Questura di Rieti, ha arrestato il pluripregiudicato reatino F.P., del 1961, responsabile dei reati di ricettazione, resistenza, lesioni e minacce a Pubblico Ufficiale.

Nella serata di ieri, infatti, una pattuglia della Squadra Volante, impegnata nei servizi di controllo del territorio intensificati dal Questore di Rieti, Antonio Mannoni, ha individuato una Fiat Panda che, dagli accertamenti effettuati sulla banca dati delle Forze di Polizia, è risultata oggetto di furto, mentre si dirigeva in direzione della frazione di Grotti del Comune di Cittaducale.

Immediatamente gli Agenti si sono messi all’inseguimento dell’autovettura intimando l’alt al conducente che, per tutta risposta, ha accelerato con la su autovettura, cercando di fuggire in una strada sterrata che costeggia il fiume Salto. Il coordinamento operato dalla Sala Operativa della Questura di Rieti ha permesso ad una seconda Volante di raggiungere il luogo dell’inseguimento con l’intento di chiudere tutte le possibili vie di fuga all’autovettura rubata.

Il conducente, vistosi ormai bloccato, ha fermato l’autovettura ed ha cercato di fuggire a piedi nei campi, attraversando il Salto per raggiungere l’opposta sponda del fiume ed allontanarsi così nei boschi. Il pronto intervento degli Agenti, entrati anche loro nelle fredde acque del fiume per guadarlo, ha consentito di bloccare il fuggitivo che, con violenza e minacciando gli operatori della Volante, stava cercando di eludere il suo controllo.

L’uomo è stato così condotto negli Uffici della Questura ed identificato per F.P., del 1961, il quale, nella circostanza, ha ammesso di aver acquistato l’autovettura rubata a Terni. F.P. è stato arrestato e dovrà rispondere dei reati commessi di ricettazione dell’autovettura e della resistenza, delle minacce e delle lesioni causate ad uno degli Agenti durante l’arresto.

Foto: RietiLife ©

Print Friendly, PDF & Email