Home / Archivio / Accoglienza dei migranti e volontariato: i progetti nel Reatino
tunisia-rifugiati

Accoglienza dei migranti e volontariato: i progetti nel Reatino

Si sono svolti nella giornata di ieri, 14 dicembre, ed in data odierna, due incontri di sensibilizzazione sul tema dell’accoglienza dei migranti in ambito provinciale.

“Il primo evento – spiegano dalla Prefettura – ha avuto luogo nel Comune di Torricella in Sabina, dove, nella Sala consiliare, il Sindaco ha presentato alla popolazione e agli studenti della scuola media, il Protocollo d’intesa, denominato Accoglienza a Km 0, stipulato con la Prefettura e con l’ente gestore dei richiedenti asilo, San Michele Arcangelo, per l’impiego dei migranti in attività di volontariato consistenti, non solo in opere di pubblica utilità, ma anche in percorsi di conoscenza della comunità e dei suoi antichi mestieri, nell’ottica di una valorizzazione e riscoperta dei saperi. Nel corso dell’incontro, cui ha partecipato il Dirigente dell’Ufficio Immigrazione della Prefettura, il Dirigente scolastico della scuola media Marco Polo e un sociologo esperto di immigrazione, sono state illustrate le finalità del protocollo, volto a realizzare una concreta inclusione sociale dei richiedenti asilo coinvolti nell’iniziativa e, al tempo stesso, a rafforzare il loro senso di appartenenza alla comunità, nonché a facilitare il reciproco confronto ed integrazione con la popolazione locale”.

“La seconda iniziativa – aggiunge la Prefettura – organizzata in collaborazione con l’ente gestore dei richiedenti asilo, coop. Agorà, si è svolta, nella mattinata odierna, nel Salone di rappresentanza della Prefettura, dove, dopo i saluti istituzionali, qualificati relatori, esperti in materia, alla presenza degli psicologi dei progetti di accoglienza, hanno approfondito i temi riguardanti le difficoltà psicologiche ed i forti disagi che vivono i migranti a seguito dell’abbandono, per necessità, della propria terra d’origine e, conseguentemente, della perdita della propria identità e delle proprie radici”.

Foto: dal web ©

Print Friendly, PDF & Email