Home / Archivio / TRATTAteci…bene: due giorni di eventi per dire no alla tratta di essere umani e alla violenza di genere
foto1

TRATTAteci…bene: due giorni di eventi per dire no alla tratta di essere umani e alla violenza di genere

Si è conclusa venerdì la due giorni dell’evento “TRATTAteci…bene” organizzato dalla Prefettura di Rieti, nel Salone di rappresentanza, in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne.

Destinatari del primo incontro sono stati gli operatori dei Centri di Accoglienza Straordinaria (CAS) gestiti dalla Prefettura, per i quali i docenti dell’Organizzazione Internazionale delle Migrazioni – OIM hanno strutturato un seminario formativo, altamente qualificato, dal titolo “Identificazione e supporto alle vittime di tratta e sfruttamento lavorativo: dalla frontiera al territorio”, che ha riguardato tutti gli aspetti connessi alla vulnerabilità delle vittime di tratta, con la finalità di accrescere le competenze professionali degli operatori stessi, nell’ottica di un miglioramento continuo degli standard qualitativi dell’accoglienza.

Diversi gli argomenti approfonditi, dall’individuazione dei cosiddetti “indicatori”, che aiutano a riconoscere le persone “trafficate”, alla relativa presa in carico delle vittime di tratta e di sfruttamento lavorativo, per la tutela giuridica ed il supporto psicologico delle stesse.

La seconda giornata, che si è aperta con il saluto del Prefetto Valter Crudo, ha visto la partecipazione del Comune di Rieti, con la dott.ssa Elisa Masotti, Assessore alle Pari Opportunità, e l’avv. Giovanna Palomba, Assessore ai Servizi Sociali.

Significativi e coinvolgenti sono stati, inoltre, gli interventi della Responsabile del Centro Antiviolenza “Il Nido di Ana”, Alberta Tabbo, nonché quelli di alcuni richiedenti protezione internazionale, ospiti dei Centri di Accoglienza, con le loro testimonianze di storie di violenza e marginalità, ma anche di determinazione e fiducia nel cambiamento.

Particolarmente apprezzata è stata poi la rappresentazione di alcuni studenti del Liceo classico “Marco Terenzio Varrone” di Rieti, che hanno scelto ed interpretato un passo della Medea di Euripide.

Testimonial dell’iniziativa, la giovane Jamila Laurenti, italo-ungherese e reatina di nascita, oro ai Mondiali under 15 nella disciplina Tennis Tavolo, disputati di recente alle Isole Fiji.

In chiusura, una degustazione di cibi multietnici preparati dai beneficiari dei Centri di Accoglienza.

Foto: RietiLife ©

Print Friendly, PDF & Email