Home / Archivio / Alternanza scuola-lavoro: i ragazzi del classico e il convegno sull’autostima “La chiave sei tu”
Auditorium_Varrone_0153_Life

Alternanza scuola-lavoro: i ragazzi del classico e il convegno sull’autostima “La chiave sei tu”

Continuano le attività legate all’alternanza scuola-lavoro dei ragazzi del liceo Classico Varrone. L’impresa Ok.Key JA presenta il convegno “La chiave sei tu“: sabato 22 aprile all’Auditorium Varrone alle ore 17:30.

Il convegno toccherà soprattutto il tema della mancanza dell’autostima e i problemi che da essa sfociano, ci saranno infatti esperti in campo psicologico, psichiatrico e artistico: Dott.ssa Paola Montali,insegnante; Dott.ssa Anna Corbi, ex dirigente Miur; Dott.Massimo Scialpi, psicologo clinico,professore Università degli studi di Roma Tor Vergata e docente al liceo umanistico Grecorio da Catino; Dott. Angelo Bernardini, direttore Centro Multiculturale Forano e docente.

Inoltre la serata sarà allietata dal pianista Emanuele Stracchi che aprirà l’evento con le “Variazioni Abegg” Op.1 di Schumann ed un Improvviso di Schubert, e un concerto canoro-musicale del Coro C.A.I di Rieti diretto dal M° Emanuele Stracchi. L’ingresso è, ovviamente, gratuito. Gli studenti dell’Impresa si sono impegnati molto nel cercare di attuare l’alternanza scuola- lavoro nella maniera più seria possibile.

L’impresa Ok.Key JA nasce all’interno del progetto “Impresa in Azione“. Aderendo a questa proposta,13 ragazzi del Liceo Classico M.T. Varrone di Rieti, delle classi I e II A, hanno voluto intraprendere questo percorso, prefissandosi numerosi obbiettivi che intendono portare a termine alla fine della sessione.
Ok.Key JA nasce come un’impresa sociale,che si prefigge lo scopo di sensibilizzare la popolazione locale e non riguardo un problema molto attuale soprattutto nei giovani: la mancanza di autostima. Lo scopo dei ragazzi che compongono l’impresa è quello di attuare una campagna di sensibilizzazione nelle scuole e nella comunità cittadina,sperando che uno staff composto da giovani così intraprendenti possa essere un mezzo attraverso il quale si diffonda un messaggio di speranza e curiosità.
Il target a cui la campagna si rivolge, non è quindi solo quello dei ragazzi,i quali vivono il problema in prima persona con maggior frequenza, ma anche anziani e adulti,dal momento che credere in se stessi è fondamentale in ogni tappa della propria vita.
Lo slogan dell’impresa e dell’intera campagna è “you will be Ok.Key“, coniato dallo staff per il profondo significato che porta con sé. La frase ha un doppio significato: quello letterale “tu starai bene”, ma anche quello metaforico “tu sarai la chiave”, intesa come l’unica soluzione per risolvere qualsiasi problema.Tutto il messaggio dell’impresa prende vita nel prodotto di punta “Lighthouse”, una lampada in ferro realizzata con la tecnica del taglio laser e attualmente disponibile in 4 diversi colori: bianco, nero, ferro e bordeaux. E’ proprio l’immagine della chiave, preponderante nella lampada, che l’impresa vuole mettere in evidenza, per far arrivare il messaggio che vuole diffondere, non solo a chi vorrà interagire con lo staff, ma anche a chi, semplicemente vedendo di sfuggita il prodotto in qualche vetrina, in qualche bancarella o in foto, si incuriosisca alla sua forma particolare e ne voglia sapere qualcosa in più. L’impresa non vende quindi un semplice prodotto, ma un’esperienza sociale, facendo conoscere nelle mille sfaccettature le problematiche connesse alla  mancanza di autostima, non solo agli acquirenti, ma soprattutto a quanti entreranno a contatto con i membri dello staff e con la campagna che stanno portando avanti. Foto (archivio) RietiLife ©

PrintFriendly and PDF