DONATI_3614_Life

PARCHI NEL DEGRADO, DONATI: “PRESENTATA UN’INTERROGAZIONE SCRITTA”

Parchi pubblici del degrado: così il Consigliere Comunale Emanuele Donati interviene sulla vicenda e presenta un’interrogazione a risposta scritta. «Questa mattina ho presentato al Presidente del Consiglio Comunale e agli Assessori e dirigenti competenti, un’interrogazione urgente (con richiesta di risposta scritta) che mi è stata sollecitata da diverse persone in merito alle precarie condizioni, soprattutto igieniche, cui versano i parchi pubblici cittadini, con specifico riferimento a quelli ubicati in viale Liberato di Benedetto e in via della Cavatella/largo Millesimi, per quanto risulta, in concessione pluriennale a soggetti terzi. In questi parchi, i cittadini hanno spesso lamentato una diffusa sporcizia (sintomo di scarsa pulizia), la presenza di animali domestici di grossa taglia (il cui accesso sarebbe inibito dalle vigenti disposizioni comunali), nonché l’incuria e la fatiscenza di parte delle attrezzature ludiche, molto frequentate dai bambini e dalla proprie famiglie. D’altronde, non può certo sfuggire a nessuno, men che meno a me – aggiunge Donati –  che una città meritoriamente volta alla tutela dell’infanzia ed i suoi diritti – ogni anno vengono ribaditi con brillanti iniziative pubbliche – possa tollerare certe imbarazzanti situazioni.  In tal senso, ho ricordato che con delibera del consiglio comunale n.10 in data 14 marzo 2014 è stato adottato un ‘Regolamento per la gestione di aree verdi comunali, mediante affidamento a soggetti esterni’, nel quale, peraltro, sono chiaramente indicate le attività di specifica competenza dei soggetti affidatari in concessione di questi luoghi, con gli obblighi di custodia, manutenzione e pulizia di vario genere. Per ciò detto, al fine di giungere ad una concreta soluzione di tali problematiche ho segnalato la necessità di svolgere opportuni ed urgenti controlli, anche con l’ausilio di pattuglie della Polizia Municipale; possibilità per il Comune di ‘esercitare il potere di revoca dell’affidamento’ a seguito di reiterate contestazioni per la violazione degli accordi sottoscritti, nei termini anche previsti dal citato regolamento (cfr. capo 5°)”.» Foto (archivio) RietiLife ©

Print Friendly, PDF & Email