Concerto_Artem_2044_Life

TEATRO FLAVIO, IL VIAGGIO MUSICALE DI SIMONIDE BRACONI E DELLA SUA VIOLA / LA RECENSIONE

(di Sabrina Vecchi) Pubblico della grandi occasioni ieri sera al Teatro Flavio Vespasiano di Rieti per il secondo appuntamento della stagione musicale 2015 del Comune di Rieti curata da ARTeM in collaborazione con ATCL. Simonide Braconi, romano, diplomato con il massimo dei voti al Conservatorio di Santa Cecilia di Roma e poi con menzione d’onore alla Music Hochschule di Freiburg in Germania, è vincitore di numerosi concorsi internazionali ed ha collaborato con artisti di fama mondiale tra i quali Uto Ughi, Salvatore Accardo, Daniel Barenboim. Definito in alcune critiche un vero “mago della viola”, nel 1994 a soli 22 anni è stato selezionato dal Maestro Riccardo Muti per ricoprire il ruolo di prima viola nell’orchestra del Teatro alla Scala di Milano. Al Vespasiano Braconi è stato accompagnato dall’Orchestra da Camera dell’ARTeM e diretto dal Maestro Sergio Quatrini, in un emozionante viaggio musicale attraverso la storia della viola. Tra i pezzi eseguiti, il concerto di Vivaldi per viola d’amore, archi e cembalo, ed il concerto di Rolla per viola e orchestra, che ne hanno messo ottimamente in luce il talento e le capacità virtuosistiche. Simonide Braconi si è esibito eccezionalmente anche in veste di compositore, con la sua “Musica per Archi”, una prima esecuzione assoluta riservata alla serata reatina. Ad assistere al concerto anche Luca Fornari Presidente di ATCL Lazio che si è detto molto soddisfatto della collaborazione con ARTeM finalizzata ad inserire un programma musicale di qualità nella stagione del Teatro Flavio Vespasiano, impreziosendo il già avviato circuito culturale regionale. Obiettivo raggiunto anche per Marco Bartolomei, Presidente di ARTeM, che annuncia la prossima produzione anche della stagione musicale di Frosinone, alla quale si aggiungeranno ad ottobre quelle di Latina e di Viterbo. Soddisfatto anche il Sindaco di Rieti Simone Petrangeli, che sottolinea i risultati ottenuti grazie alla collaborazione tra enti e realtà artistiche locali e non, e rilancia il proposito di far tornare ad essere Rieti una città della cultura. Foto: Gianluca VANNICELLI/Agenzia PRIMO PIANO ©

Print Friendly, PDF & Email