Processione_Santa_Barbara_9559_Life

SANTA BARBARA NEL MONDO, APPUNTAMENTI DEDICATI ALLA LEGALITÀ

Concluso il ciclo dedicato ai protagonisti della Resistenza sul tema “Ribelli per amore” (che ha visto al centro del discorso figure come quelle di don Pietro Pappagallo, di don Giuseppe Morosini, dell’eroe finanziere Antonio Ambroselli, dei Fratelli Cervi e dei Padri Costituenti Alcide De Gasperi e Attilio Piccioni) e superata la parentesi centrata sulla figura di Sant’Agostina Pietrantoni, il calendario eventi di Santa Barbara nel Mondo (IL PROGRAMMA) affronta il tema della legalità. “Le vie della verità e della legalità”, infatti, è l’argomento su cui sono strutturati gli eventi previsti dal 26 al 29 novembre. Quattro appuntamenti pensati cercando di rispondere a sollecitazioni arrivate dai discorsi di Papa Francesco, che vedranno la partecipazione del Liceo Scientifico “C. Jucci” di Rieti con gli incontri coordinati dalla prof.ssa Stefania Santarelli, dirigente dell’istituto. “Avere il coraggio di dire no ad ogni forma di corruzione e di illegalità” è l’esortazione del pontefice raccolta per i lavori del 26 novembre. Il tema, domani, mercoledì 26 novembre, sarà sviluppato, a partire dalle 9.30, presso la Sabina Universitas (Palazzo Dosi) nell’incontro con Giovanni Tizian, giornalista e autore del libro “La nostra guerra non è finita”. Suo padre, Peppe Tizian, un funzionario di banca che non si è piegato al malaffare mafioso, viene ucciso a colpi di lupara la notte del 23 ottobre 1989, a Locri. Un delitto rimasto impunito su cui Giovanni ha in seguito indagato. Da allora la famiglia Tizian ha lasciato la Calabria per trasferirsi in Emilia. Laureato in criminologia presso l’Università di Bologna, ha iniziato pubblicando su “La Gazzetta di Modena” le sue prime inchieste, con cui nel 2012 ha vinto il Premio per i giornalisti di provincia “Enzo Biagi”. Ha collaborato con “L’Espresso” e con “La Repubblica”, con il mensile “Narcomafie” e il portale “stopndrangheta.it”. Al giornalismo ha affiancato l’impegno civile e sociale, collaborando con “daSud”, l’associazione antimafia con sede a Roma costituita nel 2005 da giovani emigranti meridionali che non hanno intenzione di lasciare le loro terre in mano alle cosche. È autore del saggio-inchiesta “Gotica. ’Ndrangheta, mafia e camorra oltrepassano la linea” pubblicato nel 2011. Nel 2013 ha pubblicato il libro “La nostra guerra non è mai finita”. Del 2014 è “Il clan degli invisibili”. Dal 2011 vive sotto scorta. Foto (archivio) RietiLife ©

Print Friendly, PDF & Email