Giochi_Paraolimpici_3305_Corr

FORZA DI VOLONTÀ E PASSIONE, LA CARICA DELL’ATLETICA PARALIMPICA A RIETI

È toccato a Oxana Corso battezzare il primo evento paralimpico ospitato dallo stadio Guidobaldi con il primato mondiale sui 400 metri T35. La sprinter delle Fiamme Gialle, nella prima giornata dei campionati italiani paralimpici per società organizzati dalla Fispes, ha tagliato il traguardo in 1:20.86, migliorando di 1.51 secondi il suo crono precedente. La Corso, oro iridato a Lione nei 100 e 200 metri e doppio argento sulle stesse distanze ai recenti Europei di Swansea, conclude in bellezza un anno di luci ed ombre condizionato da problemi fisici: “È andata benissimo e speriamo che continui così nell’anno a venire. Abbassare il primato di un secondo e mezzo significa che con il nuovo allenamento sto lavorando bene e che in questo momento fare l’atleta mi sta ripagando. Non è stata certo la mia migliore stagione con tre mesi fuori dalla pista per infortunio. Mi sono rimessa in gioco all’Europeo e poi lì è arrivato il risultato. Quando corro i 400 metri, ho sempre una sensazione strana perché ancora non ho capito come affrontarli. Peccato che questa distanza a livello internazionale non ci sia, ma io continuerò a correrli. Mi auguro che si raggiunga il numero di sei atleti per poter arrivare con questa gara alle Paralimpiadi di Rio in modo da avere qualcuno da battere e andarmi a prendere una medaglia”. Sei record italiani nella prima giornata. In evidenza anche le campionesse paralimpiche Assunta Legnante (peso) e Martina Caironi (100 e lungo). Domani, domenica 19 ottobre, sono previste le ultime gare che assegneranno i titoli societari assoluti e promozionali per il 2014.

Foto: Gianluca VANNICELLI/Agenzia PRIMO PIANO ©

Print Friendly, PDF & Email