consiglio3cascioli

CASCIOLI: “LA MAGGIORANZA GETTA DISCREDITO SU DI ME PERCHÉ SONO SCOMODA”

Il consigliere comunale di minoranza Sonia Cascioli controreplica a quanto affermato dal Comune di Rieti (leggi CASCIOLI – leggi COMUNE) sulla ricerca di un dirigente da 134mila euro annui. Di seguito la nota inviata alla stampa dalla Cascioli. 
«Considerato che la notizia del costo di un nuovo dirigente, per il quale è stato pubblicato sull’albo pretorio un avviso di mobilità, è stata attinta dalla mia pagina facebook e non è stata oggetto di un comunicato stampa e considerati i contenuti della replica, la maggioranza che governa il Comune ha perso evidentemente una grande occasione per stare zitta. La differenza resta ed è evidente atteso che ho parlato del licenziamento di un dirigente che costava 80.000 euro lordi l’anno (75.000 euro se vogliamo essere precisi) e di un nuovo arrivo che ne costerà 100.000 lordi l’anno oltre oneri e contributi (ovvero circa 34.000 euro). Al riguardo, non posso che stigmatizzare il modo sporco con il quale un comunicato ufficiale ancora una volta entra nella vita privata di un Consigliere comunale ripetendo una prassi che denota da una parte grande nervosismo e dall’altra la cultura della denigrazione e dell’infamia che vi contraddistingue. Si parla, inoltre, di scarsa conoscenza delle norme per gettare discredito sulla mia scomoda azione politica di opposizione: ma da che pulpito viene la predica considerando che la Corte dei Conti vi sta contestando proprio un danno erariale per le procedure illegittime con le quali avete assunto i dirigenti di vostra fiducia! Su questo non fate un bel comunicato informandone i cittadini?! In evidente malafede, per farvi meglio tornare i conti e continuare a gettare fumo negli occhi, avete preso quale riferimento le retribuzioni dell’anno 2011 che guarda caso sono “gonfiate” dal riconoscimento delle retribuzioni di risultato di ben due anni (2009 e 2010). Basta guardare infatti al 2010, anno in cui non sono state riconosciute retribuzioni aggiuntive, per scoprire che il costo complessivo dei dirigenti non superava i 620.000 euro oltre oneri e contributi. Allora a chi volete continuare a prendere in giro? Come mai vi evidenziate di aver ridotto, ripesandoli, gli stipendi dei dirigenti e guarda caso ai vostri “graditi” elargite il massimo consentito? E perché vantandovi della riduzione dei compensi della Giunta non dite che il 10% ve lo imponeva la legge? Parlate di sperpero di denaro pubblico facendo riferimento al lavoro dei dirigenti del Comune di Rieti, continuando a vomitargli addosso tutto il vostro disprezzo, avvezzi a quell’epurazione settaria che evidentemente vi contraddistingue. Ma sul capitolo dirigenti i conti li faremo presto e bene insieme agli organi di controllo e a tutte le autorità preposte e allora dovrete fare a meno pure di quel ghigno che tanto bene vi rappresenta. Ma i conti li possono fare benissimo anche i cittadini: considerato che i dirigenti sono 9 come fate a parlare di un costo complessivo di 492.000 euro annui se uno solo dichiarate costarne 134.000? Perché non dite che il dato 2014 è straordinariamente falsato dalle vostre azioni epurative e che nel medio/lungo termine la vostra follia amministrativa costerà molto, ma molto cara in termini di risarcimenti danni? Nel momento in cui si mettono costantemente le mani in tasca ai cittadini già stremati per una congiuntura economica negativa fissando tutte le aliquote possibili al massimo e mentre si buttano in strada centinaia di persone/famiglie sostenendo l’impossibilità di poterle mantenere in alcun modo occupate, distruggendo nel contempo tutti i settori produttivi del Comune, è vergognoso che si aggravino i costi per l’assunzione di nuovi dirigenti ben oltre quello che è stato fatto fino a ieri. Non sarà certo mistificando la realtà ed i numeri che riuscirete a convincere i cittadini di Rieti che vi hanno già relegato nella storia. Una storia da dimenticare». Foto: RietiLife ©

Print Friendly, PDF & Email