GRI_8615

PASQUALE DA CITTADUCALE: “SE QUESTA E’ LA POLITICA SIAMO INGUAIATI… “

“Pasquale da Cittaducale”, nella sua consueta rubrica indipendente su RietiLife, esprime il proprio parere sulle questioni degli ultimi giorni, relative al sindaco ed alla Tarsu pagata in ritardo e a tutte le polemiche fiorite attorno alle vicende.

Ma cosa sta succedendo in questa città? Sogno o son desto? Continuano a prenderci in giro, o stanno lavorando per noi? Di domande ce ne sarebbero un’infinità ma vorrei soffermarmi su alcune notizie e su certi comportamenti che hanno acceso i primi giorni di un luglio che, fortunatamente, non ha ancora fatto registrare temperature record che sarebbero potute essere la causa di certe notizie diventate pane quotidiano del web e non solo. Andiamo con ordine. La prima cosa che ha colpito, non solo il sottoscritto, riguarda la vicenda legata al sindaco Simone Petrangeli e il giornalista Marco Fuggetta. Una “story” entusiasmante, con il sindaco che avrebbe pagato in ritardo la Tarsu di alcuni immobili ed il giornalista che, scoprendolo, fa lo scoop scatenando un putiferio. Come se non bastasse, a mettercisi anche la telefonata (Silvio ha fatto proseliti!) da parte del sindaco all’editore di RLTV (dove lavora Fuggetta), dalla quale si è evinto che Pietropaoli stesso, alla fine è stato l’unico a cercare di smorzare i toni, riportando tutto nel giusto alveo confermando, di fatto, la fiducia al suo giornalista, e chiarendo che dal primo cittadino ha ricevuto solo una telefonata cordiale. Tutto a colpi di comunicati stampa, di botta e risposta, compresi i commenti di chi è fuori dalle logiche politiche di Palazzo Comunale. Su tutti Chicco Costini che esterna i suoi pensieri senza pensare a quanto non ha fatto nel periodo nel quale faceva parte del governo cittadino. Lo stesso dicasi per Luigi Gerbino il quale, anche lui affidandosi a comunicati stampa, ha commentato la “story” sindaco-giornalista chiedendo, con una faccia tosta, le dimissioni del sindaco e di chi ha diffuso la notizia. Anche Gerbino forse ricorda cosa non ha fatto quando era presidente di Asm. Navigando, poi, impossibile non imbattersi in Antonio Cicchetti (nella foto), ex-doppio sindaco, per poco tempo ex-assessore regionale trombato dalle quote rosa, consigliere regionale, punta di diamante di AN prima e del PDL poi, che invece di preoccuparsi di una città che sta andando in malora o dei gravissimi problemi che l’attanagliano, cosa fa? Innesca una cruenta, stucchevole e, aggiungo io, inutile polemica con il segretario provinciale del PD Ruggero Curini, tacciato dallo stesso Cicchetti di essere stato un “camerata” iscritto nelle fila del MSI. Continuo a leggere e cosa scopro? Che la ZTL, la ZTPP, i varchi e tutto il resto vengono cambiati in continuazione, che il limite di velocità sulla strada dell’ospedale torna a 50 km/h, che la città continua ad essere piena di buche, ad avere i vetri rotti e cassonetti fatiscenti. Non c’è nessuno che dica una cosa sensata, non c’è nessuno che parla di occupazione, non c’è nessuno che regala una parola di speranza. Non c’è nessuno che fa qualcosa di serio per questa città sempre più in balìa delle onde. Allora mi chiedo: ma questi sono gli “uomini politici” che ci stanno governando? Queste sono le persone che dovrebbero aiutare la città ed i suoi cittadini? Questi sono coloro che dovrebbero dare un futuro ai nostri figli? Spero di no perché se così fosse… siamo inguaiati! (Pasquale da Cittaducale) Foto: (archivio) Rieti Life 11 Luglio 2013

Print Friendly, PDF & Email