refutiva_Tabaccherie_life

ARRESTATI DOPO UN FURTO IN VIALE MARAINI CINQUE ROMENI CHE SVALIGIAVANO TABACCHERIE

Personale della Squadra Mobile della Polizia dello Stato ha arrestato 5 cittadini rumeni: B,M., del 1988, G.A.G., del 1991, I.F.A., del 1986, I.I.D., del 1989, N.C.A., del 1992, tutti residenti a Roma e provincia, responsabili in concorso di furto aggravato in danno di una tabaccheria. Le pattuglie della Squadra Mobile presenti sul territorio, nell’ambito dei servizi disposti dal Questore di Rieti Carlo Casini per il contrasto ai reati contro il patrimonio, in particolare in danno delle tabaccherie, che negli ultimi tempi sono state oggetto di particolari “attenzioni” da parte di malviventi, nella nottata appena trascorsa, sono intervenute presso l’esercizio di Viale Maraini, non appena è scattato l’allarme antifurto. Mentre una pattuglia della squadra Volante si è fermata sul posto per accertare quanto appena accaduto, le altre pattuglie della Squadra Mobile hanno “attenzionato” due autovetture sospette che erano state segnalate sul posto. Una volta accertata la commissione del furto presso quella tabaccheria, gli Agenti hanno immediatamente cercato di bloccare le autovetture, non appena raggiunta un’area appartata e sicura. Durante l’operazione, le autovetture hanno cercato di eludere il fermo speronando una delle pattuglie della Squadra Mobile i cui Agenti, a scopo intimidatorio, hanno esploso anche dei colpi d’arma da fuoco in aria. Grazie al contestuale intervento di più pattuglie, gli investigatori sono riusciti a bloccare le due autovetture e ad arrestare 5 componenti del sodalizio criminoso, mentre uno di loro è riuscito a fuggire a piedi nei campi circostanti e per il quale sono state attivate le immediate ricerche. All’interno delle autovetture è stata rinvenuta tutta la refurtiva, immediatamente restituita al legittimo proprietario, consistente in oltre 1500 pacchetti di sigarette e numerosi accendini di valore, nonché i passamontagna e gli indumenti utilizzati durante il furto e gli arnesi adoperati dai ladri per forzare la saracinesca in maglie della tabaccheria. I cinque stranieri sono stati tratti in arresto ed associati presso la Casa Circondariale Nuovo Complesso di Rieti a disposizione della locale Autorità Giudiziaria, davanti alla quale dovranno rispondere, in concorso, del reato di furto aggravato. E’ al vaglio degli inquirenti la possibilità che gli arrestati possano essere i responsabili degli altri furti commessi nelle tabaccherie di questo capoluogo negli ultimi tempi. L’esercizio commerciale in questione è stato, infatti, oggetto di ben tre furti, solo nell’ultimo mese. “Questo episodio,” ha dichiarato il Questore di Rieti Carlo Casini, “evidenzia l’efficacia del controllo del territorio e la qualità dei servizi predisposti per contrastare i reati contro il patrimonio che non risparmiano neanche la realtà reatina, statisticamente considerata quasi una “isola felice”. (Da comunicato della Questura di Rieti) Foto: Questura di Rieti © 18 Giugno 2013

Print Friendly, PDF & Email