festeggiamenti221

SEBASTIANI, IL 22 APRILE DI SEI ANNI FA LA PROMOZIONE IN SERIE A! CHE NOSTALGIA…

Sono passati sei anni. Purtroppo sembrano sessanta. Il 22 aprile 2007 è uno di quei giorni che rimangono scolpiti nell’immaginario collettivo della nostra città. “Oh, ma oggi è lu ventiddue aprile, te lu recordi illu giornu a Pesaru…?”. E certo, chi non lo ricorda, il giorno che ci regalò la serie A? Quello che ci fece urlare di gioia e ci riportò dove lo zio Willie ci aveva lasciato. Che ci fece sentire orgogliosi e, per una volta, meno provinciali di quanto siamo. C’era una città intera, quel giorno di primavera, incollata alle radioline o alle autoradio che sparavano a tutto volume il risultato dell’Adriatic Arena di Pesaro, dove la Sebastiani giocava l’ultima giornata del campionato di LegaDue, aspettando di dare inizio ad una notte di festeggiamenti attesi da tanti, troppi anni. Una città intera, unita, a soffrire per quaranta minuti, con un occhio a Pavia, dove Caserta poteva vincere e festeggiare, e invece c’era Simone Bagnoli che no, le sbarrava la strada. E noi qui a trattenere il fiato quando Fultz, a un secondo-e-ottanta dalla fine del supplementare buttava sul ferro la bomba decisiva. E tanti reatini, prigionieri di una fede, che quel giorno erano partiti di mattina presto: pesce a pranzo, e poi tutti a palazzo, perché lì, quel giorno, si scriveva la leggenda. 73-75. Erano le 20.10. Fuori il tiro di Fultz. Che gioia! Picchio, Prato, Mian, Smith. Coach Lardo. Big Gaetano. Grazie, grazie di cuore. È serie A. Poi la festa in campo, il boato in piazza, il ritorno in città alle tre e mezza, e un’estate intera di festeggiamenti. Sappiamo tutti com’è andata dopo. Due anni di serie A, il trasferimento a Napoli e l’uscita dal giro buono del basket, che ora Peppe Cattani sta provando dignitosamente a riagguantare. Sembrano passati più di sei anni. Molti di più. E invece tanti ne sono. Che nostalgia, quel giorno in cui nessuno lo disse a bassa voce, di essere reatino. (naz.orl) Foto (Pesaro, 22 Aprile 2007): Emiliano GRILLOTTI © 22 Aprile 2013

Print Friendly, PDF & Email