CARABINIERI_1770_life

PICCHIA LA MOGLIE, ARRESTATO DAI CARABINIERI

Pubblichiamo il comunicato stampa del Comando Provinciale dei Carabinieri.

Maltrattamenti in famiglia
Antrodoco – I carabinieri, a conclusione degli accertamenti, procedevano all’arresto del cittadino rumeno: D. I., del 1970, residente ad Antrodoco. Il predetto, che nel corso del tempo si era già reso responsabile di reiterati episodi di maltrattamenti in danno della coniuge convivente del 1974, casalinga, cittadina rumena, nella serata scorsa, agendo sotto l’influenza di sostanze alcooliche, aggrediva la stessa con pugni e calci, facendole battere più volte la testa in terra ed alle pareti di casa. La donna, prontamente soccorsa dai carabinieri operanti intervenuti su segnalazione di privati cittadini, veniva trasportata presso il pronto soccorso dell’ospedale civile di Rieti, ove trovasi tutt’ora ricoverata in osservazione per “presenza di tumefazione dolente regione glutea dx con stravaso echimotico; tumefazione dolente regione lombare; ferita escoriata spalla dx con limitazione funzionale movimenti attivi e passivi; ferita escoriata regione zigomatica sn; ferita escoriata regione perioculare sn; tumefazione dolente regione temporo–parietale dx”.
Borgorose – I carabinieri, denunciavano: R. M., di  borgorose del 1954. Il prevenuto, convivente con una donna ungherese del 1969, casalinga, dopo aver posto in essere, nel tempo,  reiterate aggressioni fisiche e verbali, in alcuni periodi le faceva mancare i minimi mezzi di sussistenza.
Reati contro il patrimonio
Rieti – I carabinieri denunciavano: D. S. del 1994, di Contigliano. I carabinieri operanti, accertavano che la predetta nel corso della serata del 29.09.2012, introdottasi all’interno dell’hotel Cavour sito in questo centro, asportava dalla reception, all’addetta alle accettazioni,  una borsa con euro 45,00 in contanti, alcuni dollari americani, un assegno non trasferibile dell’importo di euro 900,00 oltre ad effetti personali. Nel prosieguo dell’attività d’indagine gli operanti deferivano, per il reato di ricettazione in concorso: S. W., polacco del 1993, residente a Rieti, studente; B. J., di Rieti del 1995.I predetti,  nel corso di una perquisizione domiciliare, venivano trovati in possesso di parte della refurtiva, che veniva restituita all’avente diritto.
Cittaducale – I carabinieri, a conclusione di attività investigativa denunciavano due fratelli bosniaci entrambi residenti a Sant’Angelo Lomellina (Pv): H. G., del 1970, H. V., del 1971.
A carico dei prevenuti, sono stati acquisiti elementi di reità quali autori del furto di un quadro elettrico asportato dal piazzale della cooperativa “Proma” in data 13.09.2012.
Rissa
Poggio Moiano – I carabinieri, a conclusione di indagini, denunciavano 3 romeni, tutti residenti a Poggio Moiano: C. A., del 1984, C. I. M., del 1983, M. I. S., del 1989.I predetti,   in Poggio Moiano, corso Umberto I°, per futili motivi, unitamente ad altra persona non ancora identificata, davano luogo ad una rissa senza che i coinvolti riportassero serie lesioni.
Tutela del lavoro
Labro – i carabinieri della locale stazione unitamente a quelli del  nucleo  ispettorato del lavoro di Rieti, a conclusione di attività ispettiva, presso un cantiere edile, ove operava la ditta individuale “E. C.” con sede legale in Petrella Salto, accertavano a carico della predetta ditta le seguenti violazioni:  aver utilizzato lavoratori non risultanti dalle scritture e restante documentazione obbligatoria; non aver consegnato al lavoratore, all’atto dell’assunzione, prima dell’ammissione al lavoro, copia della comunicazione di assunzione o del contratto.
Venivano elevate sanzioni amministrative in misura ridotta pari a euro 8.000,00 euro. Foto: Gianluca VANNICELLI/Agenzia PRIMO PIANO © 2 Ottobre 2012

Print Friendly, PDF & Email